Video: Elfquest, i fan omaggiano il fantasy di Wendy e Richard Pini

Elfquest è una serie fantasy ideato dai coniugi americani Wendy e Richard Pini.

Prima di ogni cosa cliccate qui per accedere al portale ufficiale dove sono a disposizione gratuitamente tutti i fumetti realizzati e raccolti nella cosiddetta "Complete Digital Elfquest Online". Subito dopo gustatevi il fan trailer di un film che forse non vedremo mai, nonostante qualcosa si stia muovendo realmente e qualcuno è seriamente intenzionato a trasformare la saga di Wendy e Richard in un progetto cinematografico serio da esportare in tutto il mondo. Potete trovare tutte le informazioni su ElfQuest: A Fan Imagining - questo il titolo del video - cliccando qui; approfittatene per ringraziare i produttori Stephanie Thorpe e Paula Rhodes che si stanno impegnando a dare la giusta risonanza ad Elfquest, serie che abbiamo letto anche in Italia grazie alla casa editrice Macchia nera che pubblicò solo in parte la saga.

Elfquest fu pubblicato negli Usa nel 1978 e racconta le avventure dei Wolfriders, una tribù elfica capitanata dal simpatico Cutter. La prima storia, Fire and flight, fu pubblicata sul primo numero di Fantasy quarterly (by Indipendents Publishers Syndacate), ma poi proseguì grazie all'autoproduzione: i suoi creatori decisero di fondare appositamente una loro casa editrice, la WaRP Grafics. In realtà Elfquest ha ottenuto un premio importantissimo: la Marvel Comics ha messo gli occhi addosso al progetto. Infatti, nel 1985 ristampò, all'interno della collana Epic, tutti i primi 32 episodi della saga, in una nuova veste grafica a colori. Poi nel 2003 la WaRP cedette tutti i diritti del fumetto alla DC comics. L'interessamento di queste due grandi case editrici basta per riempire di orgoglio due autori come Wendy e Richard Pini che sono riusciti a creare un grande universo fantasy contando esclusivamente sulle proprie forze e sul proprio talento.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.