Kazuki Yamamoto, come disegnare anime e manga in un cappuccino

latte manga

Le vie dell'arte sono infinite!

Nascono artisti in ogni parte del mondo e tutti cercano di diversificarsi, tentando di realizzare qualcosa che non è mai stata vista prima. Infatti, ci sono due vie per avere notorietà: essere eccellenti o essere originali. Kazuki Yamamoto non sarà un artista eccellente (aggettivo che possiamo attribuire solo a pochi nella storia), ma ha avuto un'idea originale per mettersi in mostra, sfruttando le immagini dei personaggi di anime, manga e non solo.

Kazuki Yamamoto non si serve di normali pennelli, matite e nemmeno dei modernissimi tablet ipertecnologici che trasformano uno scarabocchio in un capolavoro. La sua “materia prima” è il latte. Avete presente i cuori che solitamente alcuni baristi disegnano con la schiuma in un cappuccino, rendendo la colazione talmente “dolce” da mettere in pericolo chi soffre di diabete? Kazuki ha ereditato questa pratica smielata per trasformare il cappuccino in una tavola di disegno.

Le sue opere sono tutte esposte nella pagina Twitter di questo bizzarro autore, unico a trasmettere una sensazione di fame/sete attraverso i suoi disegni. Cliccate qui per accedere al suo account Twitter e scoprire queste rappresentazioni grafiche tutte da sorseggiare. Le vittime scelte per essere affogate nel latte sono numerose: ci sono i Pokemon come Pikachu, Chansey, Eevee, Jigglypuff e Pichu; c'è un omaggio alla Galaxy Express 999, a Snoopy, a Winnie the Pooh ed a diversi protagonisti di noti film. Domani mattina, prima di andare a lavorare, chiedete alla vostra mamma/sorella/compagna/nonna di prepararvi un buon cappuccino e di sforzarsi minimamente a riprodurre una cover qualsiasi di Simone Bianchi o – se quest'ultima fosse troppo difficile da realizzare – di Leo Ortolani. Sarà un bellissimo atto di amore nei vostri confronti!

Un cappuccino con dentro un pokemon che sapore avrà?

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.