Scienza: i fumetti di Franco Gambale per spiegarla ai giovani

cartoni

Il metodo ideale per spiegare la scienza è farlo attraverso i fumetti.

Franco Gambale, fisico del Cnr e fumettista per l’Almanacco della Scienza, crede fortemente nel potere istruttivo della Nona Arte. L'artista e scienziato disegna non solo per educare i più giovani, ma è veramente convinto che un’immagine può valere più di milioni di parole, e che il fumetto è lo strumento perfetto per rivolgersi sia ai giovani, sia agli adulti, avendo un potere tutto speciale: rilassare, abbassando le difese del lettore anche a fronte di contenuti di una certa complessità.

Il fisico dell’Istituto di biofisica (Ibf) del Cnr di Genova sa bene che l’immaginazione coniugata con il rigore scientifico aiuta a semplificare il linguaggio tecnico. Quindi grazie al fumetto è possibile descrivere alla la gente sui rischi del futuro senza creare falsi allarmismi ed allo stesso tempo consigliare come rispettare al meglio se stessi e l'ambiente.

Per chiarire il suo pensiero, Gambale ha menzionato opere come Global warming (Nda edizioni), Maccheariachefa (Aboca) e Viva la scienza di Antonio Mingote e José Manuel Sanchez Ron (Dedalo). Lo scienziato-artista è convinto che l'immaginazione e la fantasia sono alla base del processo creativo sia di chi pretende di raccontare una storia a fumetti, sia di chi vuole affrontare uno studio scientifico.

Franco Gambale ha scoperto il fumetto come strumento essenziale di comunicazione negli anni novanta. All'epoca era direttore dell’Istituto di cibernetica e biofisica del Cnr, e convinse il ministero dell’Istruzione a sfruttare l'arte illustrata per dar maggior forza comunicativa ad un progetto di divulgazione scientifica basato sullo studio della cellula.

Il risultato delle sue passioni è entusiasmante e dovrebbe sempre essere supportato da chi ha a cuore la Nona Arte e la vorrebbe inserita in ogni ambito della vita.

via | La Stampa

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.