Il Giornalino: I 50 anni dei Beatles

fumetti beatles

Questa settimana il Giornalino celebra i 50 anni dei Beatles!

L'omaggio era quasi dovuto da parte del settimanale per ragazzi dei Periodici San Paolo che è sempre attento ad omaggiare i più grandi rappresentati di ogni forma d'arte. I Beatles sono stati scelti perché ritenuti il gruppo musicale più famoso di tutti i tempi. Nel Il Giornalino vi vengono raccontati tutti i momenti più importanti della vita della band di Liverpool che ha fatto cantare, ballare e pensare il mondo intero. Il direttore del settimanale Stefano Gorla ha così descritto il fumetto in cui si parla del team musicale: "una storia avvincente e un pizzico d'ironia di cui è maestro Stefano Frassetto, il papà di Ippo".

Stefano Frassetto ha utilizzato la forma del graphic journalism per costruire la sua storia, cercando di trasformarla in un racconto esilarante grazie anche all'apparizione di Ippo.

I Beatles (disegnati anch'essi a immagine e somiglianza di Ippo) vengono descritti con realismo e tramite tanti dialoghi comici. Il suo lavoro viene considerato una rilettura, tra citazioni e comicità, per sorridere e ricordare.

Da quanto potete vedere dall'immagine qui a fianco, la copertina del nuovo numero de Il Giornalino è proprio dedicata a "Ippo", personaggio di Frassetto, illustratore e disegnatore di fumetti nato nel 1968. L'artista ha collaborato per la rivista Primavera disegnando la serie la serie “Top of Pop” e, dal 1999, la striscia “Piti" sull’inserto di Avvenire, “Noi, genitori e figli”. Ha pubblicato a partire dal 2002 la striscia "Edo e Pedro" su Dimensioni nuove, mentre dal 2005 si dedica alla striscia umoristica "Ippo". E' anche illustratore e ritrattista per i quotidiani La Stampa, il francese Libération e il settimanale Il nostro tempo. Ha collaborato per il portale www.g-web.it (da cui è stato tratto il volume "La domanda che punge" edito da Edizioni San Paolo).

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.