Elfen Lied 1, la recensione snack time

Riconoscere Elfen Lied, il nuovo manga pubblicato da Planet Manga, in fumetteria è molto facile: è quello totalmente incellofanato.

Se fossimo in edicola magari lo potreste scambiare per una busta sorpresa oppure per una rivista per adulti, ma in fumetteria no. E' facilmente identificabile (numero 1 plastica rosa, numero 2 verde, ecc...).

Il motivo di questa confezione? Probabilmente è stato scelto dalla Panini per evitare denunce per i contenuti un po’ forti di questo manga.

Ora non pensate che Elfen Lied sia un incrocio tra un fumetto di Milo Manara e Go Nagai ma, a mio parere, ci sono molte scene dove la protagonista (dai tratti molto infantili) è nuda e/o ci sono scene di violenza estrema con ossa divelte e spruzzi di sangue a litri.

Tutto questo perché la protagonista, Lucy, è una Diclonius, un essere mutante molto simile agli umani ma con due strane corna sul capo e dotato di fortissimi arti invisibili e, cosa ben più grave, spietata e crudele che uccide tutti quelli che le capitano sotto mano (invisibile).

Per tale motivo è tenuta in custodia peggio di Hannibal Lecter ma un giorno riesce a fuggire. Peccato (o per fortuna ai fini della storia) che durante la fuga riceve un colpo di pistola in testa che le fa perdere parzialmente la memoria. Così nello stesso corpo conviveranno due personalità: una diabolica e una smemorata e ingenua.

Il forte contrasto presente nel manga di Lynn Okamoto è quello tra le scene che sono spesso di una crudeltà inumana e il disegno molto elementare, quasi come se fosse un manga per bambini. In Gantz la violenza è supportata da un impatto grafico notevole (e forse l'accentua anche), qui è illogica e anche gratuita e sadica. Nutella e cacio se mi concedete il paragone.

Prescindendo poi da questa particolarità, il manga risulta abbastanza banalotto come sceneggiatura (è anche vero che siamo al primo numero) per cui se volete spendere € 6,50 (salvo sconti della fumetteria) tenete presente che vi troverete di fronte un prodotto molto particolare.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.