Coconino Press, il ritorno del commissario Grimaldi di Vilella

Coconino Press ha deciso che i tempi sono maturi per il ritorno de Il Commissario Grimaldi.

grimaldi

La storia dell'Italia corrotta di ieri e di oggi finisce così all'interno del fumetto con protagonista un personaggio storico e tanto atteso. Il noir proposto dalla casa editrice offre spazio ad alcune vicende che coprono un arco temporale assai ampio: dagli anni del fascismo a quelli del boom. L'Italia corrotta verrà rappresentata attraverso la descrizione accurata di una città del Sud, dove prenderà forma una vicenda torbida e inquietante. Il volume, inserito nella collana Coconino Cult di Fumetti Coconino Press-Fandango, è un'opera di Sebastiano Vilella ed è intitolato Requiem per due c... Italo Grimaldi commissario. Centoventotto pagine in bicromia (prezzo 17 euro) che illustrano la storia di Riccardo Belviso, operaio emigrato in Francia, tornato nei luoghi d’origine per trascorrere una serena vacanza dal cugino Andrea che non vedeva dai tempi dell'adolescenza. Andrea ha un tenore di vita decisamente alto e conosce i personaggi più ricchi e potenti del territorio. Tra questi c'è il potete imprenditore edile Agostino Mafrone, un uomo legato alla “cupola”, gente pericolosa. Riuscirà Riccardo a salvarsi da questa gabbia di leoni ed a salvare il cugino scomparso improvvisamente nel nulla?

Solo il commissario Grimaldi può dargli una mano, poiché ben conosce la rigida struttura di protezioni che legano a doppio filo i poteri forti dello Stato con gli imprenditori e la criminalità organizzata.

Coconino Press promette un Sebastiano Vilella al top della forma e, soprattutto, forti emozioni dalle tinte gialle e nere. Vilella in questa maniera rilancia il commissario Grimaldi, uno dei suoi personaggi più celebri, apparsi per la prima volta negli anni '80 sulle pagine delle riviste Eureka e Frigidaire. Seguono alcune illustri considerazioni sull'opera:

“Un bravo poliziotto che non può andare a fondo nelle sue indagini per non indebolire regimi e poteri forti... La critica sociale permea amaramente le tavole disegnate con sensualità e stile”. _ Il Manifesto

“Lo stile grafico di Vilella è percorso da segni che ricordano Egon Schiele e l'espressionismo, rievoca atmosfere percorse da tensioni psicologiche...”. _ Fumo di China

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.