Nino mi chiamo, un fumetto sulla vita di Antonio Gramsci realizzato da Luca Paulesu

Luca Paulesu ha raccontato la storia di Antonio Gramsci in una fantabiografia edita da Feltrinelli.

palesu feltrinelli

La storia di Gramsci è stata raccontata attraverso un fumetto pubblicato da Feltrinelli. A realizzare quest'opera, presentata come una fantabiografia, ci ha pensato il pronipote di questo personaggio storico della politica italiana, Luca Paulesu, il quale ha preferito offrire una visione quasi divertita di Antonio Gramsci, scegliendo anche un titolo insolito per un'opera di questo genere: Nino mi chiamo!

Non è facile trovare in giro una biografia a vignette di questo genere, che tratta argomenti di un certo spessore con una semplicità unica, utile per comunicare un messaggio importante anche a chi spesso si tiene a distanza da temi caldi come la politica. Con il suo stile fanciullesco Paulesu ha offerto una versione tutta sua di Gramsci, mostrandocelo con i tratti di un bambino.

Il politico è stato dipinto con i capelli in disordine, occhiali, braccia lungo il corpo, come se fosse uno scolaro modello dei libri di lettura, un personaggio fuori dal tempo. Ecco le prime parole espresse da Nino nelle pagine d'apertura di un romanzo a fumetti che raccoglie le idee, le riflessioni, le lotte, gli amori di un grande uomo:

“Sono sardo, sono gobbo, sono pure comunista. Dopo una lunga agonia in carcere, spirerò. Nino mi chiamo.”



Luca Paulesu

ha spiegato alla stampa che il suo è un graphic novel strutturato in maniera assai originale, poiché supportato da una parte scritta piuttosto sostanziosa, indispensabile per parlare della vita di Gramsci e rendere chiara l’evoluzione delle sue teorie. Inoltre il fumetto è stato realizzato per essere usato come guida utile ai bambini delle scuole in visita alla casa-museo di Ghilarza. Opere del genere dovrebbero circolare più spesso nelle scuole e ci dovrebbero essere investimenti mirati a creare graphic novel in grado di immortalare tutte le figure eroiche della nostra storia moderna.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.