Spider-Man, in vendita la dimora di Green Goblin

goblin

La crisi sta colpendo anche i personaggi più famosi dei fumetti, a tal punto che sono costretti a vendere la propria casa.

A rimanere senza dimora è il perfido Folletto Verde (Green Goblin), quel Norman Osborn che tanti problemi ha provocato all'interno del Marvel Universe, devastando in ogni modo la vita del caro Peter Parker. Facciamo chiarezza! Nessun autore dei fumetti ha sfrattato l'acerrimo nemico di Spider-Man, ma è accaduto un singolare fatto nel mondo reale che è legato al cattivo creato da Stan Lee (testo) e Steve Ditko (disegni) nel 1964. E' in vendita a New York il celebre attico di Tudor City, situato proprio a Manhattan e che tanti di voi hanno ben presente in testa per esser stato una delle location principali dei film Spider-Man diretti da Sam Raimi.

La maestosa penthouse, parliamo di una costruzione di straordinaria bellezza, è stata valutata circa un milione e 600mila dollari. L'agente immobiliare, incaricato a metterla in vendita, ha dichiarato che camminarci all'interno è un po' come essere approdati in un castello sospeso nel cielo tra le nubi. Per questo Raimi aveva preso in prestito l'immobile come dimora per il suo Goblin (interpretato nel film dall'attore Willem Dafoe), considerandolo un edificio fuori dal comune, in grado di evidenziare la grandezza del personaggio, la forza, la ricchezza, rendendola la culla di una mente fantasiosa, geniale ed allo stesso tempo squilibrata.

L'attico fa parte di una struttura lussuosa nota anche come Windsor Tower, guarda caso ha ospitato anche altri set cinematografici con protagonisti personaggi poco raccomandabili: Brian De Palma l'ha voluta per Scarface, Francis Ford Coppola per il Padrino 3. Per alcuni anni è stata abitata da Charlton Heston. La penthouse appartiene ad un pittore che dopo aver abitato per circa venti anni, ha deciso di liberarsene. Come reagirà Goblin alla notizia?

via | Nydailynews

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.