Lutto nel mondo del fumetto italiano, è morto Paolo Morales

La notizia l'ha data qualche minuto fa Roberto Recchioni sul suo blog ufficiale e, essendo il buon RRobe una fonte abbastanza affidabile, non ho dubbi circa la provenienza della news in questione: pare infatti che il famoso disegnatore/sceneggiatore Paolo Morales ci abbia lasciati.

Recchioni non ha dato nessun'altra informazione circa le cause della morte di Morales, ma quest'improvviso lutto colpisce il mondo del fumetto italiano dritto al cuore: disegnatore e sceneggiatore di Martin Mystère e Dylan Dog, Morales ha lavorato per la Sergio Bonelli Editore dal 1991, dopo una lunga militanza su Lanciostory e Skorpio della Eura Editoriale. Ovviamente si è fatto conoscere dal grande pubblico grazie ai suoi lavori per la Sergio Bonelli Editore, ma sono significative le sue collaborazioni con le riviste Torpedo, Nero, L'Intrepido e L'Eternauta, che hanno permesso a Morales di esprimere tutto il suo potenziale con storie profonde e significative.

Ma Morales è stato story-editor e sceneggiatore di serie a cartoni animati della Rai quali Sandokan - La tigre della Malesia (dalla seconda alla terza serie) e L'Ultimo dei Mohicani, senza dimenticare il suo contributo per Gennarino il Mastino e Kim. Prolifico disegnatore di storyboard, Morales ha collaborato con registi internazionali di primissimo piano quali Francis Ford Coppola (per il Padrino parte III), Martin Scorsese (su Gangs of New York) e Michael Hoffman (solo per citare i più famosi), ma non ha lesinato di dare il suo contributo anche a registi e sceneggiatori italiani quali Ricky Tognazzi, Duccio Tessari, Antonio Margheriti, Alberto Negrin, Terence Hill, Lucio Gaudino e tanti altri.

Con Morales se ne va un pezzo del nostro patrimonio fumettistico nazionale e, soprattutto, si perde una persona integerrima e disponibilissima. E non basteranno certo queste poche parole che abbiamo speso per omaggiare una figura importante come quella del buon Paolo.

via | Dalla Parte di Asso

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.