Francesco Francavilla disegna Hawkeye - Occhio di Falco

Giunge dalla Marvel Entertainment una notizia che non può che rendere felici tutti gli amanti del “Marvel made in Italy”, il numero americano di Aprile 2013, il 10, della testata Hawkeye vedrà come ospite il disegnatore italiano (anche se ormai vive negli States) Francesco Francavilla che trasformerà in immagini la sceneggiatura di un altro pezzo da 90 dei comics: il grandissimo Matt Fraction.

Questo incarico si aggiunge agli altri riconoscimenti che sta raccogliendo la brillante carriera di Francavilla: la sua serie Black Beetle pubblicata dalla Dark Horse è osannatissima dalla critica americana, ha vinto l'Eisner Awards 2012 come miglior copertinista e l'Eagle Award come miglior artista emergente.

In italiano abbiamo da poco potuto leggere il suo lavoro sulla testata Detective Comics dedicata a Batman, pubblicato nei due volumi Detective Comics dalla RW/Lion Comics. Voci di corridoio lo vogliono al lavoro anche sulle prossime storie degli X-Men.

La storia sarà un ottimo jumping-on point per iniziare a seguire la serie e vedrà il vendicatore (o Avengers per fare il figo moderno) Clint Barton - Occhio di Falco dover affrontare un nuovo e letale nemico.

Stephen Wacker, Senior Editor della Marvel Entertainment, sembra altamente entusiasta di questa nuova collaborazione, difatti ha dichiarato:

“Su Hawkeye siamo stati molto fortunati avendo avuto non solo il più grande degli sceneggiatori come Matt Fraction, ma anche alcuni tra i i migliori disegnatori in circolazione come David Aja, Javier Pulido e ora Francesco Francavilla. Anche se solo per i numeri 10 e 12, Francesco lascerà il segno nelle avventure di Clint con le più belle tavole che potrete vedere in tutto l'anno”

Auguriamoci, quindi, di vedere presto in Italia questa serie di Occhio di Falco che è effettivamente un piccolo gioiellino del panorama dei comics.

Via | Marvel

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.