Stan Lee, ancora problemi di salute per il patriarca della Marvel

Noi di Comicsblog seguiamo con molta attenzione quanto accade negli States e, con un po' di apprensione, apprendiamo che Stan "The Man" Lee non potrà presenziare all'Amazing Arizona Comic-Con di questo fine settimana per non meglio specificati problemi di salute.

La cosa in se per se potrebbe non essere grave, anche perché potrebbe pure trattarsi di un semplice raffreddore. Ma stiamo parlando di un uomo di novant'anni che, non molto tempo fa, ha ricevuto un intervento a cuore aperto. E pur trattandosi di una specie di roccia umana come Lee, non è da escludere che sia successo qualcosa di abbastanza grave da non permettere a The Man di partecipare a un evento abbastanza importante come l'Amazing Ariziona Comic-Con di Phoenix. E come noi la pensano la maggior parte dei siti d'informazione fumettistica americana che, uno dopo l'altro, hanno dato la news di questa mancata partecipazione all'evento di Lee cercando di minimizzare l'accaduto.

Ovviamente, tutti quei visitatori che hanno prenotato i Stan Lee Signing Ticket saranno prontamente rimborsati dagli organizzatori dell'evento, ma penso che ognuna di quelle persone voglia sentirsi dire che l'autore sta bene e che potranno avere l'occasione di rivederlo quanto prima. Si perché Lee è praticamente il papà di tutti i supereroi che hanno accompagnato milioni di americani dall'età adolescenziale sino alla maturità, e sapere che il creatore di un personaggio quale Spider-man non può presenziare ad un evento per improvvisi e non meglio specificati motivi di salute causa una certa apprensione anche a noi, che viviamo a centinaia di migliaia di chilometri di distanza.

Ovviamente spero che Stan Lee stia bene e che non abbia niente di grave, ma ripeto: il fatto stesso che la news sia stata data in forma maggiore o minore dai vari siti e forum d'informazione fumettistica americana, beh...è qualcosa che fa riflettere.

via | Bleeding Cool
Foto | Wikipedia

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.