Rw-Lion, tutto pronto per la 4° Wave

dc

Rw-Lion sta per entrare nella quarta fase del suo percorso editoriale.

Ha annunciato che è tutto pronto per quella che è stata definita come la 4° Wave. Nel giro di pochissimo tempo Lion ha fatto passi da gigante, andando a trattare una portentosa mole di fumetti made in Usa. Era il dicembre del 2011 quando questa etichetta ha fatto il suo esordio con l’albo speciale JLA 0, andando a sostituire una non brillante Planeta DeAgostini e garantendo alla Dc Comics una "una casa stabile e sicura in Italia". La grande fortuna di Rw-Lion è di aver adottato la Dc Comics in un momento storico assai particolare e ricco di novità: c'è stato il lancio dei New 52 (reboot che ha determinato una svolta storica) ed è arrivato nelle sale cinematografiche il colossal The Dark Knight Rises che ha risvegliato la passione di tanti lettori.

La casa editrice ha suddiviso il suo percorso in vari step. Il 4° Wave, che prenderà il via a maggio, porterà ai lettori italiani nuove testate, nuovi comprimari, abbassamento dei prezzi e tante altre novità che verranno annunciate nei prossimi giorni. Inoltre ha voluto descrivere nei dettagli i primi 3 Wave che hanno determinato il suo piazzamento definitivo nel mercato.

Il 1° Wave è stato determinato dall'aggancio e prosecuzione delle testate del precedente editore. Il 2° Wave è stato determinato dal lancio dei New 52 con ben 9 nuove testate (4 da edicola), e svariate collane ombrello. Il 3° Wave è stato caratterizzato dal varo di nuove testate da edicola legate ai prodotti multimediali (Batman e i Superamici; Arrow/Smallville) con prezzi più che adeguati al mercato, riduzione dei volumi cartonati, riservati alle opere di lusso, a favore di prezzi più agevoli con l’introduzione delle linee Library in brossura.

Preparatevi inoltre alle varie iniziative che saranno legate alla distribuzione del film Man Of Steel con protagonista Superman.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.