Summer Wars di Mamoru Hosoda - un film da recuperare!

summer wars

Summer Wars (Samā Wōzu, Giappone 2009) è diretto da Mamoru Hosoda, scritto da Satoko Okudera, con musiche di Akihiko Matsumoto.

Finalmente sono riuscita a vedere questo film di animazione di cui si è molto parlato: entrato nella top 10 di animazioni del 2009, ha vinto diversi premi in molte manifestazioni. La fama lo ha preceduto e spesso, quando si parla moltissimo di un film, si arriva a caricarlo di aspettative che vengono ahimè deluse. Fortunatamente non è stato questo il caso. Ricordo prima di tutto la regia di Mamoru Hosoda che ha già diretto un altro eccellente film dal titolo La ragazza che saltava nel tempo: mi sembra che la pellicola sia stata affidata alle mani giuste.

La trama del film mescola elementi di un mondo virtuale, con elementi del mondo reale. Partiamo con una introduzione su quello che è il mondo virtuale chiamato OZ. Si può avere accesso a questo mondo tramite un normale pc iscrivendosi: è un mondo colorato in cui ci si diverte, si incontrano altri avatar, si fa shopping...

Al momento dell'iscrizione si danno alcune informazioni personali contenute nelle banche dati assolutamente in sicurezza. Tenete bene a mente questo preludio perchè ora inizia la storia nel mondo reale: Natsuki Shinohara è una studentessa, deve rientrare a casa per festeggiare il compleanno della nonna e ha bisogno di qualcuno che la aiuti. Convince il compagno di scuola Kenji Koiso, genio della matematica, ad accompagnarla.

Kanji si dovrà fingere il fidanzato di Natsuki per far piacere alla nonna novantenne. La signora è più che in gamba per la sua età e sarà un tassello determinante nel momento di pericolo. Il mondo virtuale inizia a mescolarsi col mondo reale. Qualcuno riesce a compromettere il sistema e tutte le informazioni personali che hanno dato gli utenti entrano in possesso di un misterioso avatar distruttore che compare nel mondo di OZ.

Da questo una serie di problemi nel reale: i computer falliscono e tutto ciò che è regolato da essi entra in crisi, a partire dalle centraline telefoniche di pompieri e ambulanze, ai semafori...insomma il mondo di OZ non è più così tanto virtuale!

A combattere l'hacker si mette l'intera famiglia di Natsuki, insieme naturalmente a Kenji. La battaglia è molto complessa ma anche la nonna novantenne dà il suo apporto fondamentale mobilitando tutto il vicinato e non solo! Non posso darvi l'anticipazione sul finale, estremamente commovente ma assolutamente in tema con la vicenda.

Questa è un'animazione molto particolare, con disegni netti, nitidi, che si alternano a paesaggi più rilassanti di aperta campagna. Non posso però paragonarlo alla serena vita di campagna di Myiazaki che ha un tratto molto diverso e più morbido. Insomma se non avete ancora visto questo film, mettetevi in poltrona e godetevelo poichè ve lo raccomando caldamente!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

3 commenti Aggiorna
Ordina: