001 Edizioni, arriva Lloyd Singer il contabile dell'FBI

001 edizioni

La 001 Edizioni questa settimana ha puntato su un prodotto d'origine francese.

E' arrivato nelle librerie Lloyd Singer, Primo Ciclo di di Luc Brunschwig e Olivier Néuray (caratteristiche volume: 978-88-97846-28-4, 19x26, B+al, 144 pp, col., € 18,00 - edizione impreziosita dalle alette), proposto nel nuovo formato deluxe ideato per le pubblicazioni legate alla collana 001 France.

Nella presentazione ufficiale del volume a colori si parla di prezzo "low cost", ma bisogna ammettere che altre case editrici hanno fatto proposte più allettanti economicamente nel presentare fumetti con meno di centocinquanta pagine. Tolta questa piccola nota - essere pignoli aiuta a lanciare messaggi utili per migliorare il rapporto editore/lettore - si può notare come la 001 Edizioni sia affezionata ad un artista come Luc Brunschwig, del quale ha già rilasciato nel 2009 e nel 2012 i volumi Holmes (1854-1891?) e Holmes. L'ombra del dubbio.

Oggi Luc Brunschwig viene riproposto attraverso un fumetto del genere thriller che ha come protagonista questo Lloyd Singer, un uomo dall'aspetto mingherlino e insignificante, rimasto orfano a 13 anni e che si è fatto carico di una famiglia e ha incassato i colpi dei balordi della Piccola Gerusalemme. Lloyd Singer è un contabile dell'FBI con un grandissimo talento: l'empatia.

La sua prima missione è quella di stabilire un contatto con Zéna, una donna che ha fatto un grande errore: lasciare la sua terra, la Russia, per cercare amore e fortuna negli Stati Uniti. Nella terra promessa Zéna ha conosciuto l'inferno della prostituzione e della pornografia. Al primo tentativo di fuga, necessario per proteggere sua figlia, si è ritrovata come testimone chiave per l'FBI. Purtroppo nella sua condizione non è facile parlare, è intimorita dal mondo intero; per questo ci vuole l'intervento di uno specialista come Lloyd Singer!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.