Mayoi Neko Overrun - anime primaverili prima impressione

Dovevo capirlo subito dalla sigla di Mayoi Neko Overrun: dovevo subodorare cosa mi aspettava, dovevo fermarmi prima! Non vi sto a dire quante volte ho desiderato saltare direttamente al finale, ma ho stoicamente resistito di fronte a questo ennesimo anime, leggermente ecchi, che non mi ha incuriosita per nulla.

In breve, durante la prima puntata, viene fatta una veloce presentazione dei personaggi. Il protagonista vive, o meglio, dovrebbe vivere con la sorella maggiore che invece è in giro per il mondo a salvare non si sa chi. Inutile dire che il giovane è comunque attorniato da belle ragazze, di cui una formosa compagna di scuola e l'immancabile loli, questa volta fissata coi cosplay. Non credo di dover aggiungere altro: non c'è aspettativa, non c'è mistero, non c'è suspence. L'anime non fa neppure ridere: peccato perchè i disegni sono piacevoli e rilassanti e ci sono animaletti buffi e simpatici che potrebbero essere meglio impiegati.

I personaggi principali vengono sommariamente descritti e, mentre si potrebbero scrivere papiri sul carattere burrascoso della protagonista Fumino, si glissa alla grande facendola sembrare soltanto incoerente ed estremamente violenta. Il tutto naturalmente non è accompagnato da nessuna risata: anche la parte comica è stata tagliata! Non è un harem anime, non è un ecchi anime, non è comico: onestamente sono molto in difficoltà nel definirlo.

L'adattamento a manga dalla light novel originale è stata fatta da Kentaro Yabuki, già illustratore di To-Loveru. Ammetto che avevo sottovalutato quest'ultimo: molto superiore a Mayoi Neko Overru. Non posso neppure consigliarlo agli appassionati del genere perchè, mentre To-Loveru era per lo meno un ecchi definito, in questo caso dire che parliamo di un anime ecchi sarebbe troppo. C'è da augurarsi che per lo meno succeda qualcosa nelle prossime puntate. Unica nota veramente positiva, la sigla finale: mi è forse piaciuta perchè sapevo che era la fine?

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.