Sazae-san, l'anime che batte regolarmente One Piece, Dragon Ball e Detective Conan

Sazae-san

E' la serie animata giapponese più seguita in patria, costantemente al primo posto degli anime più visti ogni settimana da ben oltre dieci anni. Sazae-san batte puntualmente, e non di poco, non solo titoli mainstream come Dragon Ball, One Piece e Detective Conan, tra le serie più apprezzate di sempre, ma anche vere e proprie istituzioni nazionali come Doraemon, personaggio paragonabile come importanza a Mickey Mouse, Topolino, in America.

Che sarà mai questo anime dei record? Di record infatti si parla: Sazae-san è la serie in corso più lunga mai creata e praticamente l'unica realizzata ancora in modo tradizionale, animata completamente a mano sui rodovetri senza l'utilizzo di nessuna tecnologia digitale. In più, il manga è stato uno dei primi yonkoma (strisce in 4 vignette) ad essere pubblicati in verticale. E' chiaro che si sta trattando di un titolo storico e un vero e proprio pezzo della cultura popolare giapponese. Domenica 1 marzo 2009 l'anime ha festeggiato i 2000 episodi, e il 31 del mese in corso raggiungerà le 2080 puntate. Ma facciamo un passo indietro.

Sazae-san

Sazae-san nasce come striscia umoristica il 22 aprile 1946 sul Fukunichi Shimbun, un giornale locale del Kyushu. Nel 1949 Asahi Shimbun, oggi il più autorevole quotidiano giapponese e il secondo più importante per volume di vendite, decide di pubblicare sulle proprie pagine l'opera dell'autrice Machiko Hasegawa, che per questo motivo si trasferisce a Tokyo, prendendo residenza nel quartiere Isasaka, letteralmente, con tutti suoi personaggi: curiosamente, l'autrice decide di trasferire l’ambientazione del suo manga dal Kyushu alla capitale giapponese. In seguito le strisce sono state raccolte e pubblicate in volumi dalla Shimaisha, che ha chiuso nel 1993. Lo stesso anno i diritti passano ad Asahi Shimbun, che divide l’opera in 45 volumi brossurati. Alcuni di questi sono giunti perfino in America con etichetta Kodansha of America.

In Sazae-san l'autrice voleva comunicare i cambiamenti culturali in atto nella società giapponese del dopoguerra, soprattutto la trasformazione intestina dell'immagine della famiglia. Entrando nella quotidianità delle persone anno dopo anno, l’opera ha realmente finito per registrare e tener nota di eventi, mode e mutamenti generali, come in una sorta di istantanea sociale. Protagonista principale è infatti Sazae Fuguta, un'eccentrica ragazza giapponese di 27 anni (24 nell'anime), che attraverso le vicende quotidiane della sua famiglia, formata dal marito Masuo, che si aggiunge solo in un secondo momento, il loro figlio di tre anni Tarao, l’anziano padre Namihei, la madre Fune, il fratello adolescente Katsuo, la sorellina Wakame e il gatto Tama, ben marca l'evoluzione e l’influenza Occidentale nella società e nelle tradizioni giapponesi dei primi anni 50. Per certi versi potremmo accomunare Sazae-san ai Simpson, la famosa sitcom animata di Matt Groening che dalla fine degli anni 80 rielabora in modo dissacrante società, mode e tendenze americane.

Si dice che l'ispirazione per il Sazae-san sia giunta all'autrice da una passeggiata in riva al mare. E’ bizzarro, in effetti, che tutti i suoi personaggi portino nomi ispirati a pesci o comunque legati all’ambiente marittimo: “Sazae” stesso significa “stella marina”, il “Fugu” del cognome, “pesce palla”, per esempio. In seguito al successo del manga, già nel 1955 ne furono tratti un radio dramma e una prima breve serie animata trasmessa dall'emittente che oggi è divenuta TBS. Nel 1969, in ottobre, Fuji Television cominciò a trasmettere tutte le domeniche, nella fascia serale compresa tra le 18.30 e le 19.00, l'anime che attualmente è ancora in onda con ascolti record. La trasposizione animata delle strisce durò fino al 1991. Esaurito il materiale originale della Hasegawa, le storie successive sono state create appositamente per la tv. Di seguito il primo storico episodio di Sazae-san!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.