Spoiler capitolo 492 di Naruto

Spoiler capitolo 492 di Naruto

Ed eccoci a parlare anche del nuovo capitolo di Naruto! La storia continua ad andare avanti e, come è "d'uopo" in ogni shonen manga che si rispetti, siamo arrivati ad un punto "chiave" per l'evoluzione di alcuni personaggi!Ricordiamo a tutti i lettori dell’edizione italiana di Naruto di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese del manga, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il riassunto del capitolo 491 e le indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 492.

Riassunto capitolo 491:

Naruto ha accettato di liberare il potere della volpe a nove code ma, per fermare tutto l'odio che il Kyuubi riversa nel suo chakra, il ragazzo dovrà imparare ad essere un Jinchuuriki...

Il nostro eroe è ancora nel paese dei rospi dove, per proteggere il rotolo con il sigillo impresso su Naruto dal quarto Hokage, i rospi hanno ben pensato di far entrare Gamatora all'interno del ragazzo! Ovviamente l'unico posto dove Gamatora può "entrare" in Naruto è dalla bocca e il ragazzo, disgustato, chiede al rospo se non c'è qualche metodo più "pratico" e meno viscido. A sveltire quest'operazione ci pensa Fukusaku che, con un calcio volante dritto sul sedere di Gamatora spinge, tutt'intero, il rospo nell'esofago di Naruto, che ovviamente lo inghiotte. Finita quest'operazione (Naruto sta ancora un po' male per la violenza usata da Fukusaku) è tempo per il giovane shinobi di tornare a Konoha ma, ancora disgustato, il ragazzo chiede all'anziano Rospo Saggio informazioni su come trovare il polipo che lo aiuterà a dominare Kyuubi. Il grande Rospo Saggio si ricorda della sua visione e, nel descrivere a Naruto dove trovare questo "polipo", l'anziano rospo parla di "un'isola solitaria dove non sbarca nessuno, un vero e proprio paradiso terrestre per qualsiasi creatura". Sentendo ciò, Naruto immagina una foresta rigogliosa e piena di animali di tutte le specie ma il Rospo Saggio, interrompendolo, ricorda al ragazzo che il polipo gli offrirà li il suo aiuto e, nel caso non voglia farlo, dovrà comunque ricavare delle informazioni da lui. Ricevuti gli "ordini" dal Rospo Saggio, Naruto viene teletrasportato da Fukusaku al chiosco di Ichiraku, spaventando sia il vivandiere che i due shinobi presenti in quell'istante...

Naruto ci mette qualche istante a capire dove si trova ma, pressato da Ichiraku (che, ovviamente, non sa nulla delle tecniche di teletrasporto dei rospi) il ragazzo risponde che è sparito perché "aveva da fare". Intanto i due shinobi presenti lo riconoscono ed uno, sorridendo, chiede a Naruto di fargli un autografo per suo figlio, che è un grande fan delle sue gesta. Anche l'altro ninja presente chiede un suo autografo ma Naruto, che non è abituato a questo tipo di attenzioni, non sa davvero cosa rispondere ai due avventori. a sua indecisione fa insospettire uno dei due che, sconsolato, chiede al ragazzo se per caso non è interessato a firmargli due autografi ma Naruto, imbarazzatissimo, dice ai due che non ha mai fatto un autografo in tutta la sua vita e quindi è un po' confuso. Ichiraku, che ben si ricorda di tutto quello che il ragazzo ha dovuto patire, capisce che ora il suo giovane amico è diventato un eroe per Konoha e, felice, offre il ramen a Naruto e intima i suoi due clienti di non disturbare il "giovane miracoloso" mentre mangia...

Da tutt'altra parte, i cinque Kage e Mifune sono riuniti secondo il volere del Raikage che, tre giorni prima, aveva chiesto ai suoi collaboratori di avvisare i capivillaggio di tenersi pronti ad un meeting "preparatorio". E proprio il Raikage si meraviglia di come, alla richiesta, tutti i Kage si siano presentati così in anticipo e, di tutta risposta, Gaara dice che la questione è talmente importante che ogni cosa va presa con urgenza. Lo Tsuchikage, invece, "stuzzica" Tsunade dicendogli che è si contento di vederla, ma aggiungendo che la donna non è più una ragazzina e che l'incarico dev'essere passato a qualcuno più giovane. Tsunade, che come sempre risponde "per le rime", da del vecchio allo Tsuchikage mentre la Mizukage, che ancora non ha dimenticato quanto fatto da Danzou durante la scorsa riunione, è comunque rinfrancata nel vedere il quinto Hokage così in forma. Mifune interrompe bruscamente la discussione e, con la sua autorevolezza, crea subito il clima adatto per parlare di come affrontare l'Akatsuki e Madara. La preoccupazione principale di Mifune è ovviamente rivolta ai Jinchuuriki ma, ben consapevole che i vari villaggi stanno adottando i preparativi necessari per la guerra, chiede comunque loro di scambiarsi informazioni sul nemico. Tsunade allora prende la parola, riferendo agli altri Kage che una loro squadra di ricognizione ha trovato quella che potrebbe essere la base di Madara ma, al momento, non sa dire se questa è una trappola o meno. Anche il Raikage ha mandato le sue truppe di ricognizione in giro e, ben conscio che ogni indiscrezione sul nemico può essere preziosa, il capo del villaggio della nuvola chiede che tutte le squadre di ricognizione si scambino costantemente informazioni. Il Mizukage sembra essere d'accordo ed anzi, proprio per agevolare il compito delle squadre di ricognizione, la donna propone di unificarle tutte in un unico corpo. Lo Tsuchikage avvalla l'idea della Mizukage ma, dice, è meglio parlare di dove nascondere Jinchuuriki prima di prendere altre decisioni. Sia il Raikage che Tsunade hanno un sussulto e, non essendo presente al primo incontro tra i Kage, la donna rimane un momento "stranita". Ma riacquista subito la sua tempra quando si tratta di difendere Naruto e Bee che, secondo lei, sono le colonne portanti del loro attacco. Lo Tsuchikage è d'accordo con Tsunade ma, non essendo presente la donna al meeting precedente, l'anziano Kage le ricorda che questa guerra è nata proprio per il desiderio di Madara di impossessarsi del potere dei due shinobi quindi, al momento, è più saggio nasconderli. Tsunade non ci sta e inizia ad arrabbiarsi come al suo solito ma Gaara, interrompendola, le dice che non può prendere decisioni unilaterali, soprattutto se molte cose sono state già discusse. Tsunade gli da del "ragazzino imprudente" e, mentre sta per parlare di Naruto, Gaara la interrompe una seconda volta: secondo il giovane, nascondere Naruto è la soluzione migliore perché, conoscendolo bene, Gaara sa che il suo amico farebbe di tutto per salvare i suoi compagni durante la guerra...e questo è un problema. Mifune riporta tutti all'ordine dicendo che un disaccordo tra i Kage potrebbe costargli la vittoria e Tsunade, esortata alla ragione da Shikaku, pone fine alla sue obiezioni e, seccata, decide di fare come detto dagli altri capivillaggio. Adesso è il Raikage a prendere la parola e, ricordando a tutti che nessuno dell'Akatsuki fa parte del suo paese, comunica a tutti che è proprio nel paese del tuono che ha trovato un nascondiglio per Naruto e Bee...

Naruto intanto si trova su di una nave in compagnia di Yamato e, convinto di partire per una missione, il ragazzo nota che le indicazioni dategli dall'anziano Rospo Saggio corrispondono esattamente a quello che sta facendo adesso. Ovviamente Naruto non sa che questa non è una missione ma, piuttosto, un modo "carino" per proteggerlo da Madara e Yamato, che invece sa tutto, sembra ovviamente sollevato. Il capitano della nave (uno shinobi di Kumogakure) li avverte che stanno finalmente per attraccare e Naruto, eccitatissimo, vuole vedere il "paradiso terrestre" descrittogli dall'anziano Rospo Saggio. Ma, diradata la nebbia che avvolge l'isola, il "paradiso terrestre" si rivela essere una specie di inferno: carcasse di animali, terreno brullo e roccioso ed un aria sinistra che lascia poco spazio all'immaginazione. Ovviamente Naruto è sconvolto mentre il capitano, sorridendo, dice al ragazzo che quest'isola è un po' come la "Foresta Della Morte" di Konoha...solo un po' più estrema! L'importante, precisa, è non far arrabbiare la fauna che vi ci abita e, escluso un animale, tutti gli altri sono abbastanza docili. Naruto inveisce contro il vecchio Rospo Saggio e, mentre il capitano della nave dice qualcosa riguardo all'animale che devono evitare, il giovane shinobi di Konoha nota dei tentacoli spuntare dietro la barca. Naruto pensa che quei tentacoli siano del polipo della profezia e, felicissimo, apre le braccia verso di lui...

Ma Yamato, che è più sveglio del nostro Naruto, si accorge che quei tentacoli non sono di un polipo...ma di un calamaro gigante! Il capitano voleva avvertirli di stare attenti proprio a questa creatura e, mentre Yamato cerca di convincere Naruto che quello non è un polipo (il ragazzo vuole contare i tentacoli per capire se è un polipo o un calamaro), quest'ultimo viene "agguantato" da uno dei tentacoli del mostro. Naruto si dimena ma, con un "rap" a sorpresa, arriva Killer Bee che, usando i poteri dell'Hachibi, respinge l'attacco dell'enorme calamaro. Naruto conta anche i tentacoli di Bee e, vedendo che sono otto, il ragazzo non ha più dubbi: Killer Bee è il "polipo" che sta cercando!

Spoiler capitolo 492:

Killer Bee sale sulla nave per assicurarsi che tutti stiano bene e, sentendo Naruto parlare, lo shinobi si ricorda di quando ha cercato di fare una rima con -dattebayo...fallendo! Questo lo manda un po' in crisi mentre Naruto, definendo Killer Bee un "bestione occhialuto che fa rime senza senso", spera che non sia davvero Bee il polipo che lo aiuterà a controllare il Kyuubi...

Dall'alto di una roccia si presenta Motoi, un ninja con i capelli irsuti che dichiara di essere il loro referente. Dalla stiva della nave appare anche Gai che, a quanto pare, soffre il mare in maniera molto pesante!

I nostri stanno camminando sull'isola quando, dal nulla, un gorilla sembra volerli attaccare. Killer Bee riconosce il gorilla (che chiama King Chan) e, dopo averlo salutato, l'enorme scimmione appare molto più tranquillo. Motoi spiega che Bee è amico di tutte le creature dell'isola ma Naruto, che non sembra molto convito della potenza di Bee, sembra piuttosto abbastanza disgustato dalla presenza dell'uomo. Motoi lo sgrida dicendogli che Bee è davvero "l'eroe degli eroi", l'unico e vero Jinchuuriki dell'Hachibi. E, aggiunge, ha imparato ad usare il suo potere allenandosi proprio in quest'isola...

Naruto bussa alla porta di Bee chiedendogli di allenarlo ma questi, che ora è "in vacanza", non vuole assolutamente perdere tempo con il giovane ninja. Naruto, per convincerlo, improvvisa anche un rap che, a quanto pare, non piace per niente a Bee. Naruto ricorre quindi alla sua tecnica "estrema": l'Harem no Jutsu! Ma nemmeno questa ha effetto su Bee che, tutt'altro che impressionato, sbatte la porta in faccia a Naruto!

Naruto si lamenta con Motoi riguardo a Bee e, nel farlo, usa delle parole che non piacciono per niente all'uomo. Questi lo agguanta dal collo della giubba e, arrabbiato, gli dice che non deve mai più usare parole offensive nei confronti dell'eroe di Kumogakure. Ma Naruto sperava davvero che Bee lo aiutasse visto che, essendo un Jinchuuriki come lui, deve averne passate davvero tante. Motoi chiede a Naruto se Bee gli ha offerto il suo saluto e, rispondendo in maniera affermativa, il ragazzo viene condotto dall'uomo nel luogo dove Killer Bee ha imparato a controllare l'Hachibi. Anche Yamato va con loro, essendo l'unico in grado di fermare Naruto qualora si trasformasse nel Kyuubi...

Motoi conduce Naruto verso la "cascata della verità" dove, a detta dell'uomo, Bee ha imparato i rudimenti per controllare l'Hachibi. Naruto si siede davanti ad essa e, da questa, appare una sua copia "malvagia" che inizia a dire delle cose molto spiacevoli...

Spoiler capitolo 492 di Naruto
Spoiler capitolo 492 di Naruto
Spoiler capitolo 492 di Naruto
Spoiler capitolo 492 di Naruto
Spoiler capitolo 492 di Naruto

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

4 commenti Aggiorna
Ordina: