Archie Comics, anche Roberto Aguirre-Sacasa trasforma tutti in zombie

zombie

Stanchi di vedere zombie dappertutto, pronti a divorare gli scaffali delle vostre fumetterie di fiducia?

Stanchi di quell'invasione che è iniziata con The Walking Dead, che è stata rafforzata con l'esordio dei Marvel Zombie, per poi essere sostenuta da produzioni come Rachel Rising (by Terry Moore) e Suore Ninja (qui per scoprire tutto su questa produzione made in Italy)? Ci dispiace dovervi comunicare che siete ancora in grande pericolo: Roberto Aguirre-Sacasa ha appena fatto sapere che porterà i morti viventi addirittura nel mondo di Archie Comics.

Lo sceneggiatore, dopo aver lasciato la sua impronta all'interno del Marvel Universe con le sue storie su I Fantastici Quattro e dopo aver conquistato il cuore di tanti adolescenti scrivendo e producendo la serie televisiva Glee, ha deciso di creare una serie a fumetti dai toni horror. Il suo nuovo progetto si chiamerà Afterlife with Archie e si baserà su una rivisitazione totale di questo universo. Roberto Aguirre-Sacasa è pronto a scatenare una pericolosissima apocalisse sulla cittadina di Riverdale, spargendo zombie affamati in ogni angolo.

A trascinare nell'incubo i protagonisti sarà Jughead che, disperato per la morte del proprio cane, permette a Sabrina di utilizzare la magia nera pur di riportarlo in vita. L'incantesimo, purtroppo, trasforma il cane in un animale-morto-vivente che prima di ogni cosa penserà a mordere lo stesso Jughead, dando il via all'invasione globale in pieno stile The Walking Dead.

I lettori abituali di Archie non dovranno preoccuparsi, poiché l'autore ha promesso di sfruttare e rispettare tutti gli elementi tipici della serie. Insomma, ha in mente semplicemente di immergere i personaggi di Archie nelle atmosfere tipiche di film di successo come La Casa di Sam Raimi o in quelle intraviste nel romanzo di Stephen King L’ombra dello scorpione. Per adesso ha rivelato i titoli dei due primi archi narrativi: Escape from Riverdale e Betty RIP.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.