Bullet to The Head, il fumetto dal quale è stato tratto l'ultimo film con Sylvester Stallone

Sylvester Stallone ormai non ha più così tanto da dire agli appassionati di cinema, ma chi legge fumetti potrà guardare il suo prossimo film con un certo interesse.

rw

Rw-Lineachiara ha rilasciato il graphic novel Bullet The Head, opera che è in qualche modo legata all'ultima fatica cinematografica dell'attore di Rocky e Rambo. Ci troviamo di fronte all'opera di Matz e Colin Wilson, un racconto violentissimo ambientato a New York. Nelle prime pagine vengono mostrati due sicari che assassinano il senatore Sterling in un momento assai particolare, ovvero mentre questo si trovava in compagnia di una minorenne. Vista la delicatezza del caso e visto che gli intrallazzi politici ostacolerebbero ogni genere di indagine, questo viene tolto dalle mani della polizia locale ed interviene direttamente dall'FBI. A questo punto inizia il divertimento: braccati dai federali e dallo stesso mandante dell'assassinio, il quale vuole evitare che si risalga in un qualche modo a lui, per i due killer inizia una fuga forse senza speranza.

Insomma, Bullet to The Head è un graphic novel avvincente, dal quale è stato tratto l'ultimo film di Walter Hill, sceneggiato da Alessandro Camon. In questa pellicola tra i protagonisti troviamo proprio il mitico Sylvester Stallone, una vera e propria macchina da guerra che è sinonimo di divertimento. Il film verrà rilasciato nelle sale italiane a partire dal 4 aprile, dopo esser stato presentato in anteprima mondiale nell'ambito del Festival Internazionale del Film di Roma.

Altre caratteristiche tecniche del volume: 978-88-97965-10-7; 19x26, B+al, 160 pp, col.; € 17,95. Adesso che vi abbiamo chiarito quale è il collegamento tra l'opera di Matz e Colin Wilson e l'attore Sylvester Stallone vi fionderete prima al cinema o in fumetteria?

Per conoscere tutte le altre novità Rw del 2013 cliccate qui.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.