Naruto, spoiler capitolo 626

Capitolo importante questo 626 di Naruto! Masashi Kishimoto ha finito il lungo flashback che ci ha intrattenuto per quasi due mesi, e ora si appresta a tornare alla narrazione regolare del suo shonen. Cosa avverà adesso? Cosa cambierà nell'atteggiamento e nelle azioni di alcuni dei personaggi coinvolti?

Noi, come sempre, ricordiamo a tutti i lettori italiani di non proseguire nella lettura mentre, se seguite la serializzazione giapponese di Naruto, potete tranquillamente usufruire delle nostre anticipazioni.

Dopo il salto troverete il link di rimando al capitolo 625 e le prime indiscrezioni (confermate e con immagini) del capitolo 626.

Riassunto e spoiler del capitolo 625 (link)

Spoiler capitolo 626:

Hashirama non ha capito qual è il vero sogno di Madara perché, convinto che l'amico sia interessato solo ed unicamente al villaggio, l'Hokage non si è reso conto dei veri sentimenti dell'Uchiha. Madara, rispondendo ai dubbi di Hashimoto, dice a questo che non riuscirà mai a vedere la "Foresta degli Alberi", e che c'è un disegno che va ben oltre il villaggio di Konoha. Le criptiche dichiarazioni di Madara lasciano interdetto Hashirama, che dice all'Uchiha di voler sapere se di quel sogno fa parte anche Konoha perché, se è una cosa legata al villaggio, lui saprà consigliarlo sia come amico che come suo pari. Madara risponde dicendo che non è qualcosa che riguarda il villaggio in senso stretto...è una cosa che va ben oltre. E lui è davvero determinato ad ottenerla, a qualunque prezzo!

Detto questo, Madara ha abbandonato il villaggio di Konoha, lasciando Hashirama da solo con i suoi pensieri. Apprendiamo dal Primo Hokage che, dopo aver saputo di Konoha e della sua organizzazione, iniziarono a sorgere villaggi simili a quello della Foglia, e i conflitti tra i vari clan di shinibo iniziarono a diminuire in maniera drastica. Il sogno di Hashirama era diventato realtà: era riuscito a creare un posto dove i bambini potevano studiare senza che nessuno attentasse alle loro vite. Ma mentre Hashirama coltivava il suo sogno giorno dopo giorno, c'era qualcuno a cui questa utopia non andava bene...ed era proprio Uchiha Madara!

Si torna allo scontro finale tra il Hashirama e Madara dove, sfoderate le loro tecniche più devastanti, i due shinobi stanno praticamente distruggendo tutto quello che li circonda! Ma è Madara quello che sembra davvero in difficoltà e, dopo essere riuscito a vanificare il suo Susanoo, Hashirama ha usato la sua enorme statua fatta di legno per arrestare anche lo scatenato Kyuubi che, come ricorderete, è stato evocato dall'Uchiha in questa battaglia. Sceso a terra insieme a Madara, Hashirama è ancora una volta davanti al suo ex-amico e, mentre i due stanno per scambiarsi quello che sembra il colpo finale, scende sul campo di battaglia una pioggia insistente. Siepato sulle sponda diroccata del fiumiciattolo dove giocava da bambin con Hashirama, Madara dice al suo avversario che stavolta non riuscirà a raggiungere l'altra parte della sponda e, partiti insieme, i due si lanciano l'uno contro l'altro con intento omicida. E sembra proprio che stavolta sia Madara quello che è riuscito ad infliggere il colpo fatale all'avversario e, ferito, Hashirama dice all'ex-amico che non riuscirà a fermarlo ora che il loro sogno è diventato finalmente realtà. Madara nota che Hashirama è distrutto e, sorridendo, l'Uchiha dice che questa volta non condividerà parole di saggezza con lui. Hashirama rivede quindi parte dei ricordi che l'hanno legato a Madara e, un istante dopo, eccolo che spunta alle spalle dell'Uchiha...trafiggendolo con una lama!

Quello con cui Madara stava parlando era solo un clone di legno e Hashirama, ormai sicuro della vittoria, dice all'ex-amico e compagno che chiunque provi a minacciare la pace e l'integrità del villaggio, fosse anche sangue del suo stesso sangue, egli non esiterà a farlo fuori! Sorpreso da questa dichiarazione di Hashirama, Madara si complimenta con l'avversario per aver finalmente tirato fuori il coraggio necessario per eseguire determinate azioni, ma l'Uchiha ha ancora qualcosa da dire: quello che Hashirama sta vedendo lo porterà verso l'oscurità...e Madara, prima o poi, riuscirà a distruggere il villaggio di Konoha! Hashirama capì quindi che, per avere il futuro che voleva, doveva essere pronto a fare dei sacrifici e così, con le ultime parole di Madara, terminò la battaglia tra due dei più grandi shinobi che il Paese del Fuoco aveva generato.

Tornati al presente, Hashirama dice agli altri che non sa come e quando Madara sia resuscitato, ma sa perfettamente che quel giorno da lui appena raccontato...beh, egli aveva ucciso un suo amico per il bene del villaggio. Quello stesso villaggio pensato e ideato da lui e Madara, quel luogo dove i bambini non dovevano temere per le loro vite e dove sarebbe regnata la pace e la serenità. E le ultime parole di Madara sembrano descrivere perfettamente quello che Itachi ha dovuto portare sulle sue spalle, quasi come se l'Uchiha avesse profetizzato quegli eventi. Ma Hashirama ammette d'esser stato lui a far si che le cose andassero come sono andate perché, da un giorno all'altro, il Primo Hokage aveva capito che gli shinobi devono fare scelte impossibili per realizzare i propri sogni. E a seconda del sogno in cui si crede, bisogna addirittura cambiare se stessi per poterlo realizzare...proprio come hanno fatto lui e Madara!

Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto
Spoiler capitolo 626 di Naruto

via | Mangahelpers

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.