Dansai Bunri no Crime Edge - Animazioni primaverili 2013 prima impressione

Dansai Bunri no Crime Edge è una serie strana: e forse proprio per questo affascina.

Mi sono venuti i brividi visionando la prima puntata. La storia non semba consì angosciante, tuttavia alcune atmosfere fanno sul serio accapponare la pelle. Il protagonista maschile della storia è Kiri Haimura ( dal verbo 切る kiru = tagliare), è un ragazzo di aspetto normale, con una sola insana passione: tagliare i capelli. Da bimbo gli sono state date queste forbici con le quali tagliava i capelli ai familiari, poi questi hanno iniziato ad andare in saloni alla moda e non hanno più avuto bisogno del taglio di Kiri. Al ragazzo però piacerebbe tagliare ancora i capelli a qualcuno: sente per puro caso a scuola la storia di un fantasma dai lunghi capelli che vive in una casa un po' isolata.

Vi si reca per pura curiosità e trova in effetti una bimba con folti capelli neri che risultano essere "maledetti". Non basta: la piccola vive con due assassine che la tengono in ostaggio: la povera piccola non è mai potuta andare a scuola e non può uscire di casa, oltre a questo viene trattata con estrema violenza e cattiveria. Kiri desidera fare qualcosa e, sorprendentemente, vi riuscirà!

La storia è chiara, scorrevole, non ha intoppi. La grafica è molto piacevole, i colori usati azzeccati, le atmosfere tetre spaventano: il tutto offre un'ottima combinazione per una visione lineare e semplice. L'aspettativa verso le prossime puntate è alta: speriamo di non essere delusi.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.