I dieci autori che hanno fatto la storia dei manga: Akira Toriyama ed Eiichiro Oda in top-5

Astroboy

Oricon, società leader nell’elaborazione di statistiche e cifre per l’industria musicale giapponese, dei videogame, dell’editoria e altri settori dell’intrattenimento, ha pubblicato il 17 luglio su ORICON STYLE i risultati di un sondaggio online in cui i visitatori giapponesi sono stati invitati a votare gli artisti che hanno avuto un ruolo determinante nell'industria del manga nel dopoguerra. I dati, raccolti tra lunedì 5 e mercoledì 8 luglio 2010, in seguito alla partecipazione di 841 utenti di età compresa tra i 10 e i 49 anni, hanno determinato la classifica seguente:

top-10Osamu Tezuka (Astroboy, Kimba il leone bianco, Buddha, La principessa Zaffiro)

Akira Toriyama (Dragon Ball)

Fujiko F. Fujio (Doraemon)

Eiichiro Oda (One Piece)

Takehiko Inoue (Slam Dunk, Vagabond, Real)

Shigeru Mizuki (Kitaro dei cimiteri)

Fujio Akatsuka (Tensai bakabon)

Machiko Hasegawa (Sazae-san)

Hayao Miyazaki (Nausicaä della Valle del Vento)

Osamu Akimoto (Kochikame)/ Naoki Urasawa (Pluto, Monster, 20th Century Boys)

Come dovuto, al primo posto troviamo il “dio dei manga” Osamu Tezuka, il padre del fumetto giapponese moderno e il pioniere dell'industria dell'animazione giapponese. La sua mancanza in prima posizione sarebbe stata certamente una sorpresa. Molto meno scontata, invece, la presenza ai vertici di Akira Toriyama e, ancor più, di Eiichiro Oda in quarta posizione, a riprova del fatto di quanto questo giovane autore sia riuscito a lasciare il segno con il suo One Piece nel panorama fumettistico e dell'animazione giapponese. E' chiaro che Eiichiro Oda il suo "tesoro" l'ha già trovato. Incredibile, poi, Hayao Miyazaki in nona posizione, nonostante il regista e mangaka sia probabilmente il nome che più ha contribuito alla diffusione internazionale cinematografica della cultura degli anime, e quindi dei manga, con gli acclamati capolavori del suo Studio Ghibli.

Sorprendono anche la “bassa” terza posizione del duo Fujiko F. Fujio, che ha dato vita a una vera e propria istituzione nazionale come Doraemon, nominato ufficialmente nel 2008 “Ambasciatore degli Anime” nel mondo dal ministro degli Esteri giapponese Komura Masahiko, e l’ottavo posto di Machiko Hasegawa, autrice delle strisce di Sazae-san, la serie animata in corso più lunga mai creata, puntualmente prima nelle classifiche settimanali degli anime più visti in Giappone, una posizione che occupa da una decina d'anni. Siete d’accordo con questa graduatoria? Ritenete che manchi qualche autore importante o che qualcuno di questi sia stato inserito immeritatamente? Parliamone tra i commenti!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

18 commenti Aggiorna
Ordina: