Topolino, arriva il commissario Topalbano!

Il settimanale a fumetti Topolino sta per raggiungere il ragguardevole traguardo del numero 3.000 (mancano solo sei uscite), ma oggi siamo qui per parlare di qualcosa di totalmente diverso: nel numero che troverete oggi in edicola, l'infallibile detective di Topolinia collaborerà con la versione "topizzata" del famoso Commissario Moltalbano di Andrea Camilleri!

Ed è proprio il maestro Camilleri in persona che, insieme allo sceneggiatore Francesco Artibani e al disegnatore Giorgio Cavazzano, ha pensato ed ideato questa storia, intitolata Topolino e la promessa del gatto. Ora tutti si chiederanno: com'è possibile che Topolino sia riuscito a trovare la versione "topizzata" di Montalbano (qui chiamato Topalbano)? Cerchiamo di spiegarvelo in breve, senza andare troppo nel dettaglio e senza svelare troppo della trama di questa divertentissima storia...

Topolino e Minni decidono di partire per una vacanza nella splendida Sicilia, ma una volta li accadrà un imprevisto che metterà in seria difficoltà il topo più amato del mondo: Minni verrà rapita! Per venire a capo di questo mistero, a Topolino non resta altro che trasferirsi momentaneamente a Vigatta, dove conoscerà il famoso commissario Topalbano che, ovviamente, offrirà il suo aiuto al nostro eroe. Una storia di mistero nella terra dei vespri e degli aranci, dove il nostro Topolino e il commissario Topalbano si muoveranno alla ricerca della scomparsa Minni. Ce la faranno Topalbano e Topolino a salvare la povera Minni?

Una storia sicuramente divertente ed inedita che, impreziosita dalla presenza del maestro Camilleri, potrebbe rientrare negli annali come una delle avventure più intriganti di Topolino. Ed è sempre bello vedere come i ragazzi della Disney riescano a coniugare così tante realtà culturali (e non) del nostro bel paese invitando, come in questo caso, personalità illustri del panorama editoriale italiano.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.