Kiki - Consegne a domicilio, live action in vista?

"Kiki consegne a domicilio" potrebbe ottenere un rifacimento in carne ed ossa. Ecco le prime indiscrezioni in merito a questo inaspettato progetto live action.

Kiki - Consegne a domicilio live action

Un live action in vista per "Kiki consegne a domicilio"? Sarebbe questo l’ultimissimo pettegolezzo, giunto direttamente dal sito dedicato al mondo dei film “Twitch”, che nei giorni scorsi avrebbe rivelato che “Majo no takkyūbin” (titolo originale del film animato "Kiki - Consegne a domicilio") potrebbe essere reinterpretato da attori in carne ed ossa. E mentre lo studio "Lucky Red" si prepara a lanciare il film nelle sale il 24 Aprile 2013, i nostalgici non possono fare a meno di chiedersi se queste ultimissime indiscrezioni possano davvero essere considerate attendibili o se non si tratti piuttosto di una semplice bufala.

Secondo quanto riportato dai beninformati infatti, a dirigere questo nuovo lavoro, che si baserà non sull’opera di Hayao Miyazaki, bensì sul romanzo originale scritto nel 1985 da Eiko Kadono, dovrebbe essere 'nientemeno che' Takashi Shimizu (Ju on, The Grudge), uno dei più popolari registi nel campo del genere J-Horror (horror di provenienza giapponese).

Proprio quest’ultimo dettaglio avrebbe comprensibilmente fatto sorgere non pochi dubbi nei fan del film animato, che difficilmente avrebbero immaginato Shimizu alle prese con un genere tanto lontano da quello horror.

Detto ciò, per i pochi che non lo sapessero, Kiki consegne a domicilio è una storia che ruota intorno alla piccola Kiki, una giovane strega che viene allontanata da casa per seguire la tradizione e per imparare a cavarsela da sola. Insieme a lei, troveremo il suo gatto nero (parlante naturalmente), che vivrà mille avventure con la sua padroncina pasticciona.

Non ci resta che attendere la conferma (o eventuale smentita) in merito a questo inaspettato progetto.

via | Slashfilm

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.