Rachel Rising, Abstract Studios vuole trasformare il fumetto in una serie tv

Quando un fumetto diventa una serie tv siamo tutti più contenti.

bao

Il prossimo prodotto fumettistico che avrà una rivisitazione televisiva potrebbe essere quel Rachel Rising di Terry Moore, un'opera che ci sta convincendo abbastanza e di cui vi abbiamo recensito con moderato entusiasmo le prime due uscite (cliccate qui per la recensione del primo numero, mentre qui troverete quella del seguito).

E' stata la Alcon Television Group ad interessarsi a questo fumetto ed ha tutte le intenzioni di lanciarlo sul piccolo schermo, coinvolgendo nella produzione nomi come Lloyd Levin (Hellboy e Watchmen) ed anche il produttore esecutivo Ben Roberts (The Walking Dead serie tv).

Abbiamo già smentito una caratteristica importante di questa serie dalle sfumature horror: non è un fumetto sugli zombie! In un primo momento tutti avevano pensato di trovarsi di fronte ad un clone "femminile" di The Walking Dead, invece Terry Moore (lo stesso creatore della più tranquilla Strangers in Paradise) ha ben presto smentito ogni indiscrezione e sensazione invitando i suoi lettori in una storia cattivissima fatta di demoni, streghe e figure maligne di ogni genere.

Vi ricordiamo che Terry Moore è sia scrittore che disegnatore di Rachel Rising, prodotto che è stato pubblicato dalla Abstract Studios e che in Italia possiamo leggere grazie alla Bao Publishing che detiene tutti i diritti relativi a questo straordinario autore. A proposito di questo artista, correte in fumetteria a prenotare Echo, una serie di fantascienza che la Bao sta rilasciando in un volumone unico dove saranno recuperate le storie conclusive ancora inedite in Italia. Per altre informazioni cliccate qui!

Nel frattempo cliccate qui per sfogliare alcune tavole tratte dal secondo volume di Rachel Rising, intitolato Nel bene o nel Malus. Speriamo, dunque, di vedere presto la dolce Rachel in televisione!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.