Verdi a Fumetti, quattro numeri dedicati alle opere più celebri

Anche la musica classica si è messa a corteggiare il fumetto poiché ha compreso la sua utilità nell'avvicinare i giovani.

fumetto musica

E' stata annunciata Verdi a fumetti, una collana formata da ben quattro numeri dedicati alle opere più importanti di Verdi ed abbinata a 2 CD contenenti le arie originali interpretate da grandi orchestre e da grandi interpreti. La collana è stata ideata e prodotta grazie alla collaborazione tra La Fondazione Teatro Comunale di Modena, la produzione di Saifam, e Vision Up che hanno deciso di fare un qualcosa di speciale in occasione del Bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi. Verdi a Fumetti raggiungerà direttamente le edicole e presenterà le seguenti opere Giuseppe Verdi: La Traviata, Macbeth, Otello, Aida.

Il direttore del Teatro Comunale di Modena - il maestro Aldo Sisillo - ha commentato con entusiasmo l'iniziativa:

"Abbinare la lirica al fumetto e il progetto "Lirica a strisce" sono una scommessa per avvicinare le giovani generazioni e le famiglie alla musica lirica, in questo caso alle opere più amate di Verdi. Il fumetto, quindi, come mezzo di comunicazione moderno per spiegare ed illustrare grandi storie cantate. Spesso si ricordano le arie e i cori più famosi ma non si conoscono le storie e gli intrecci; in questo modo, mentre si ascoltano le arie di Verdi, attraverso i CD che saranno allegati, si potrà sfogliare il fumetto e leggere il racconto di ogni opera: la musica lirica da leggere e da ascoltare."

Il primo di questi quattro fumetti da quaranta pagine (allegati ai 2cd da ascolto, interpretati da Maria Callas, Violetta, e Giuseppe di Stefano, Alfredo) sara La Traviata, che sarà disponibile in edicola a partire dal 28 Aprile, al prezzo di euro 14,90. L'adattamento a fumetti dell'omonima Opera Lirica è stato realizzato da Stefano Ascari (sceneggiatura), Alberto Pagliaro (disegni e colori).

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.