La Polizia in una fumetteria di Palermo durante la visita del Papa


Questa volta non si tratta di disoccupati organizzati, naziskin o punkabestia. Il braccio violento della legge se l'è presa con una categoria di criminali terribili, rei di creare dipendenza nei giovani. Dipendenza dai fumetti. I titolari delle fumetterie!

Scherzo un po' per l'episodio increscioso accaduto domenica 3 ottobre 2010 nella fumetteria Altroquando di Palermo. In occasione della visita del Papa Benedetto XVI, nato Joseph Alois Ratzinger, il titolare della fumetteria ha esposto nella vetrina uno striscione con su scritto "I love Milingo", che esprimeva un concetto che il Papa (forse) non avrebbe molto gradito. Sicuramente non è piaciuto agli agenti della Digos che con modi molto educati (si fa per dire) non solo hanno sequestrato lo striscione ma anche alcune tavole della mostra "La Papamobile del futuro" allestita all'interno e non visibile assolutamente dall'esterno.

In apertura è il video su Youtube che documenta l'azione delle forze dell'ordine in modo da farvi tutti un'idea. Personalmente ritengo che in nome della tutela delle leggi abbiano esagerato violando la libertà d'espressione. Meno male che non hanno visto i volumi di Don Zauker...

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

8 commenti Aggiorna
Ordina: