Gipi - la sigla delle Invasioni Barbariche

gipi

L'autore di graphic novel Gipi (Gian Alfonso Pacinotti) sbarca in tv!

Fate molto attenzione alla sigla del programma televisivo condotto da Daria Bignardi, Le Invasioni Barbariche (in onda ogni venerdì sul La7). Noterete che la sigla è un piccolo cartone animato, realizzato da una mano alla maggior parte di voi nota. E' proprio la mano di Gipi (autore di “S”, illustratore per La Repubblica e autore di strisce per Internazionale) che è stato supportato in questa piccola impresa da Andrea Vignali. Dando uno sguardo sul blog dell'autore si può leggere un suo articolo dove commenta l'iter percorso per la realizzazione della sigla delle Invasioni Barbariche. Prima di tutto ci tiene a definire Vignali come “il mio socio in animazione”. Il loro lavoro è iniziato durante i primi giorni di agosto, un periodo assai duro e scomodo: solo un mese il tempo concesso da La7.

Ecco cosa, attraverso le sue parole, è accaduto in quello scorcio di estate: “[...] ho pensato di fare tutta l'animazione ad acquarello, a colori. Ho immaginato di prendere delle persone a lavorare, nella mia fantasia avrei disegnato solo i fotogrammi chiave e poi i miei lavoranti avrebbero fatto le intercalazioni. Alla fine ho fatto tutto da solo, perchè ho un disegno sbilenco e avrei impiegato più tempo a trasmetterlo a qualcuno (farlo disimparare a disegnare, in sostanza) che a farlo da solo. Solo Annina mi ha aiutato, ricalcando e ripulendo disegni. Lavoro noioso e infame. Essendo un furbone ho usato un procedimento che mi faceva lavorare il doppio: ho disegnato e animato in Toon Boom, al computer, con la tavoletta grafica, poi ho stampato tutti i disegni e li ho ridisegnati e colorati a mano.  Lavorando in HD il mac destinato al compositing sveniva in continuazione e solo la pazienza infinita di Andrea ha permesso di non tirare tutto dalla finestra [...]”.

via | Fumetto d'Autore

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.