Iron Man n.1, la recensione del fumetto targato Marvel NOW!

Aprile 2013 è il mese di Iron Man, il più grande showman del mondo dei comics.

iron man

Panini con un'ottima tempistica ha distribuito il n.1 di Iron Man Marvel NOW!. Al cinema, infatti, il film Iron Man 3 sta andando alla grande, nonostante qualche lettore sia rimasto deluso da alcune scelte della produzione. La storia che la casa editrice ha scelto per rilanciare la testata è perfetta per accogliere coloro che si lasceranno incuriosire dall'ultimo film. Lo si capisce dalle prime pagine che è stato chiesto allo sceneggiatore Kieron Gillen di trattare determinati argomenti affini a quelli della pellicola. L'idea non è sbagliata da un punto di vista commerciale, anche se i vecchi lettori avrebbero preferito un taglio più netto con il recente passato. Invece ecco spuntare un nome non facile da dimenticare e che è stato sfruttato per la trama della pellicola: Extremis!

Gillen è partito con il freno a mano, per rispettare scelte editoriali e "ringraziare" chi è venuto prima di lui. Si percepisce chiaramente una sofferenza nel non poter osare ed imporre le proprie idee resettando il resto. Le nuove avventure di Tony Stark sono ben raccontate, non innovative, ma superano la sufficienza, poiché esaltano le sue principali caratteristiche, essendo stato caratterizzato a dovere con tutti i suoi pregi e difetti. La nuova ed innovativa armatura, dotata di colori inediti, è un'ottima trovata ed allo stesso tempo è convincente la scelta dell'eroe di non abbandonare del tutto i vecchi modelli. I fan possono essere soddisfatti da questo inizio soft che vede finalmente impegnato un Greg Land che negli ultimi anni aveva iniziato a perdere consensi. Da parte sua si nota uno sforzo maggiore a curare la tavola in tutta la sua struttura, non separandosi mai dal suo stile fotografico, ma riempiendo ogni vignetta con quel giusto tocco di professionalità.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.