Un film live-action e CGI per Pluto di Naoki Urasawa (Monster, 20th Century Boys)

PlutoIllumination Entertainment (Cattivissimo me) e Universal Pictures hanno acquistato i diritti per produrre un adattamento cinematografico mix di live-action e computer grafica di Pluto, pluripremiato manga di Naoki Urasawa (Monster, 20th Century Boys), a sua volta reinterpretazione del classico senza tempo di Osamu Tezuka: Astroboy.

L'opera di Urasawa propone una visione davvero drammatica e più misteriosa rispetto all'originale del “dio dei manga”. Chris Meledandri, amministratore delegato di Illumination Entertainment, ha affermato: "Naoki Urasawa ha definito un mondo immaginario ricco di fantastica azione e avventura, ma sono i suoi personaggi e la storia di sentimenti che mi hanno spinto verso l'acquisto dei diritti". In Pluto, il detective Gesicht, robot dalle sembianze umane, indaga sulle misteriose morti di Mont-Blanc, il robot più famoso e amato del mondo, e di Bernard Lange, leader del gruppo per la difesa dei diritti dei robot. In un mondo del futuro, complesso e plumbeo, si respira un clima di pericolo e tensione. Gesicht intanto ha delle strane visioni, ma perché non riesce a ricordare certi eventi del passato? Chi c'è dietro all’oscuro progetto di eliminazione dei robot?

Il manga parte in Giappone nel 2003 sulla rivista Big Comic Original di Shogakukan e va avanti per circa sei anni, concludendosi nel 2009 a quota 8 volumi. Dopo aver ricevuto il Tezuka Cultural Award per i manga nel 2005 e l'Excellence Prize nella categoria manga al Japanese Media Arts Festival, è stato nominato quest'anno per gli americani Eisner Awards e Harvey Awards, aggiudicandosi invece il Seiun Award (Premio Nebula) alla XLIX Japan Science Fiction Convention, un riconoscimento conferito in Giappone alle migliori opere fantasy e fantascientifiche edite nell'anno precedente. In Italia Pluto è pubblicato da Planet Manga.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.