Yamato Video introduce Mazinger Edition Z: The Impact!

Mazinger Z

Yamato Video dedica sul proprio sito ufficiale uno speciale di presentazione a Mazinger Edition Z: The Impact! (Shin Mazinger shougeki! Z-hen, in originale), nuovo titolo del suo catalogo video prossimamente su Man-Ga (Sky canale 149).

Piuttosto entusiasta Mario A. Rumor, che focalizza l'articolo più che altro sulle lodi di Yasuhiro Imagawa, il regista della serie in 26 puntate animata nel 2009 da Bee Media (Mazinkaiser, New Getter Robot) e CODE (studio coinvolto in numerosi titoli di successo come Evangelion: 2.0 You Can [Not] Advance, Fairy Tail e Fullmetal Alchemist: Brotherhood), che già in passato ha avuto a che fare con Go Nagai in Getter Robot – The Last Day, nonché con Mitsuteru Yokoyama, reinterpretando a suo modo Giant Robot nella serie OAV del 1992 “Il giorno in cui la Terra si fermò” e Tetsujin 28-go nel 2004 e nel 2007 prima con la serie tv e poi con il film cinematografico prodotti da Palm Studio:

Le parole “robot giganti” devono essere un potente afrodisiaco per la vitalità creativa di Yasuhiro Imagawa. Nel Giappone di manga e anime si va avanti, pare, con le fisse. Se non ti risolleva il buon umore la ragazzina dai capelli variopinti e dalle minigonne ristrette o la idol di turno con travasamento moe, allora devi avere la fissa per qualcos’altro di vincente. Tipo i robottoni, che hanno quasi sempre gli agganci giusti con il divino merchandising per ottenere finanziamenti in tempo di crisi. Ecco: Imagawa ha la fissa per le storie degli altri. Nel senso che per professione reinventa (a modo suo, s’intende) interi universi creativi, modellandoli con l’incoscienza del fan scatenato ma soprattutto con l’estro di chi, trattando manga e anime più o meno le stesse cose, la sa più lunga del diavolo. E non si può negare che di demoni Yasuhiro Imagawa non ne abbia incrociati lungo il percorso (continua a leggere).

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.