Leonèrd, il fumetto di Gianfranco Fuoco che vuol combattere l'Aids e Hiv

Leonèrd Vs. HIV è la sfida inedita raccontata in un fumetto voluto dall'Asl di Varese.

aids

Leonèrd è un progetto fumettistico voluto dal Dipartimento di Prevenzione Medico -Centro MTS -Prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale dell'Asl di Varese. Alla base di questa iniziativa c'è uno sforzo concreto per informare i giovani su come prevenire la contrazione di malattie a trasmissione sessuale, tra le quali l’infezione da Hiv e Aids.

Il creatore di Leonèrd e di tutti gli altri personaggi è il fumettista varesino Gianfranco Fuoco. Per seguire le avventure di questo strambo protagonista vi basterà sintonizzarvi sul blog www.iosonoleonerd.tk o, più comodamente, su Facebook (www.facebook.com/iosonoleonerd). Inoltre, le strip sono state pensate per essere stampate sulle tovagliette diffuse in svariati pub e locali varesini. Sono state prodotte ben 10.000 tovagliette per uso alimentare che faranno leggere i primi 12 episodi del fumetto a quei giovani (e meno giovani) che frequentano pub e birrerie della provincia di Varese.

Il fumetto ha l’obiettivo di dare maggior forza ad una campagna di prevenzione, realizzata grazie alla collaborazione di Informagiovani e Politiche Giovanili del Comune di Varese. Le vignette sono studiate per informare i più giovani sui rischi dell'Aids ed anche per dare visibilità al Centro MTS che mette a loro disposizione svariati servizi (colloqui, visite mediche specialistiche, prelievi per la diagnosi di MTS, terapie).

Leonèrd è un ragazzo ipocondriaco ed un vero e proprio nerd ossessionato dall'esistenza di virus e batteri. Grazie alle sue avventure è possibile conoscere meglio tutto ciò che è indispensabile per combattere il terribile virus, comprendendo soprattutto quali sono i falsi miti che sono stati messi in giro. In ogni episodio, nella vignetta conclusiva, il protagonista è in grado di offrire informazioni utili per evitare il contagio e vivere anche esperienze amorose con più tranquillità.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.