Sailor Moon: GP Publishing presenta il primo Dossier online con le note esplicative sul manga

Sailor Moon edizione italiana GPIn anteprima a Lucca Comics i fan hanno trovato il primo volume (dei sedici totali) dell’edizione deluxe di GP Publishing per Pretty Guardian Sailor Moon.

Il manga, proposto in questa edizione con materiali di maggior pregio e con sovraccopertina al prezzo di 5.90 euro, presenta adattamenti fedeli alla più recente ristampa giapponese di Kodansha, riveduta e corretta dalla stessa autrice Naoko Takeuchi. E’ ora disponibile anche la versione da edicola nella collana GP Club, 256 pagine in bianco e nero e colore al prezzo di euro 4.50, priva però della sovraccoperta.

In seguito alla grande richiesta da parte dei lettori di note esplicative da inserire negli albi, che tuttavia non possono essere accluse per precisa richiesta dell’autrice, GP Publishing ha deciso di venire comunque incontro ai fan pubblicando online mensilmente un piccolo compendio per ogni volume, per meglio chiarire alcuni termini utilizzati nell’adattamento e rendere ancora più piacevole la lettura dell'opera.

Pagina 9
Usagi
In giapponese significa ‘coniglio’. Il nome, letto insieme al cognome – Tsukino –, è un chiaro riferimento allo Tsuki-no-usagi, ovvero il Coniglio della Luna della tradizione estremo-orientale. Secondo la credenza popolare asiatica, sulla Luna vivrebbe infatti un coniglio. Questa credenza nasce dal fatto che è possibile notare, negli avvallamenti della faccia illuminata della Luna piena, l’immagine di un coniglio seduto sulle zampe posteriori accanto a un pestello da cucina. Numerose sono le leggende collegate a questa figura: in tutti questi racconti, il coniglio viene in genere descritto come un animale senza particolari capacità, ma dotato di coraggio e spirito di sacrificio, motivo per cui la divinità lo avrebbe ricompensato disegnando la sua immagine sulla superficie della Luna.

Pagina 13
Haruda
In giapponese significa ‘è primavera’.

Pagina 18
Odango
È così chiamato un tipo di acconciatura con due chignon ai lati della testa. La sua forma ricorda i ‘dango’, dolce tradizionale giapponese fatto di palline di farina di riso.

Pagina 44
Tuxedo kamen
Letteralmente, ‘maschera in smoking’.

Pagina 54
Mizuno
Nel cognome Mizuno compare il carattere di ‘acqua’, presente anche nel nome del pianeta Mercurio in giapponese, ovvero Suisei (scritto con i caratteri di acqua + pianeta/stella).

Pagina 87
Red Bus
Una particolare linea di autobus pubblici giapponesi di piccola dimensione e di colore rosso.

Pagina 88
Shinigami
Dio giapponese della morte.

Pagina 96
Phobos e Deimos
Nomi dei satelliti naturali di Marte.

Miko
Giovani donne che lavorano presso i santuari shintoisti.

Pagina 97
Hino
Il primo carattere del cognome equivale a ‘fuoco’, presente anche nel nome del pianeta Marte in giapponese, ovvero Kasei (scritto con i caratteri di fuoco + pianeta/stella).

Pagina 99
Kami-kakushi
Nel Giappone antico, quando scomparivano dei bambini si usava generalmente il termine kamikakushi (letteralmente, ‘nascosti dagli dei/spiriti’). Questo modo di dire si usa oggi per indicare le persone che spariscono misteriosamente senza lasciare alcuna traccia.

Pagina 123
Shitenno
Letteralmente, ‘Quattro re celesti’. Nel buddismo gli Shitenno sono i divini guardiani dei quattro punti cardinali, ciascuno dotato di caratteristiche e poteri peculiari.

Pagina 177
Kino
Il primo carattere del cognome equivale a ‘albero’, presente anche nel nome del pianeta Giove in giapponese, ovvero Mokusei (scritto con i caratteri di albero + pianeta/stella).

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.