Green Blood, finito in Giappone il seinen di Masasumi Kakizaki

E' finito in Giappone il seinen Green Blood di Masasumi Kakizaki: a breve lo vedremo in Italia grazie a Planet Manga!

Green Blood

Ci siamo: è finita in Giappone la serializzazione di Green Blood, il seinen action/storico di Masasumi Kakizaki. Il capitolo conclusivo di questa saga è stato pubblicato da poco sul numero 24 della rivista Young Magazine di Kodansha. Era dal 13 giugno 2011 che il seinen era stato lanciato dal mangaka su questa celebre rivista.

In totale quest'opera di Masasumi Kakizaki, famoso per Rainbow - Nisha Rokubou no Shichinin e Gene-X, sarà composta da cinque volumi, l'ultimo dei quali conterrà gli ultimi capitoli pubblicati e verrà dato alle stampe il 5 luglio 2013. Ma la bella notizia è che la serie Green Blood verrà pubblicata qui da noi in Italia a novembre grazie a Planet Manga, mentre nei paesi di lingua inglese risulta essere ancora inedito.

La trama di Green Blood è ambientata alla fine del 19esimo secolo a New York. Qui arrivano gli immigrati alla disperata ricerca del famoso Sogno Americano. Tuttavia la realtà è ben diversa da quella che questi immigrati auspicavano: c'è povertà, disperazione e malavita ad attenderli, soprattutto nel quartiere di Five Points, dove la criminalità domina anche la Polizia.

Il quartiere sembra essere fatto di omicidi, furti e prostituzione, ma una piccola luce di speranza c'è. Si chiama Luke Burns, è un adolescente onesto che sa perfettamente che la causa della povertà in cui vivono gli abitanti del suo quartiere è provocata dalla mafia ed ecco che decide di non unirsi ai malviventi, in quanto questo ucciderebbe il suo Sogno Americano.

Di altro avviso è il fratello maggiore Brad Burns che invece si è unito alla banda criminale più importante del quartiere, i Grave Diggers. Tuttavia Brad non ha ancora detto nulla della sua affiliazione al fratello Luke, per proteggerlo. Ma Brad è anche noto come Grim Reaper, la sua fama di spietato assassino non conosce rivali, cosa succederà adesso?

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.