Zannablù Gli ammazzatori del tempo, un fumetto che sfida la fine del mondo

La nuova uscita Zannablù è intitolata Gli ammazzatori del tempo ed è stata presentata in anteprima al Salone Internazionale del Libro di Torino.

torino

Zannablù: Gli ammazzatori del tempo è il nuovissimo capitolo della saga “Le Cronache del Porcomondo” che la casa editrice Dentiblù ha presentato nel corso della XXVI edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino (sabato 18 e domenica 20 maggio 2013 presso Lingotto Fiere, via Nizza 280, Torino). Per prendere visione del fumetto Zannablù: Gli ammazzatori del tempo potete ancora oggi "bussare alla tavolata" dalle casa editrice Edizioni Dentiblù che si è insidiata nel Padiglione n.1, presso lo stand F79.

Il nuovo capitolo della saga Le Cronache del Porcomondo, che è il seguito ideale de I Mayali dell’Aporcalisse (cliccate qui per informazioni in merito a questo arretrato), sarà rilasciato ufficialmente il 30 maggio 2013.

La sinossi prende il via proprio dal vortice “aporcalittico” che si era abbattuto sulla città nel precedente episodio, minacciando la fine del mondo. Il vortice non accenna a scomparire e le antiche scritture non aiutano certo a risolvere questa spiacevole situazione. Il protagonista, un disperato Zannablù, prima ancora di cercare di risolvere i suoi problemi, dovrà riuscire a decifrare il caos che lo circonda, tentando di sopravvivere anche alla fine del mondo. Purtroppo per lui il suo unico alleato è un tizio inaffidabile e senza scrupoli, che lo trascinerà in un nuovo viaggio nel tempo per cambiare il passato…

Le pubblicazioni Dentiblù sono caratterizzate da storie piene di gag, con un umorismo accessibile per il più vasto target, senza mai sembrare scontato per gli adulti od ostico per i più piccoli. Vi ricordiamo che la serie Zannablù è stata ideata da Stefano Bonfanti e Barbara Barbieri, fondatori della stessa casa editrice, i quali hanno fatto di tutto per rendere una star il simpatico e goffo cinghiale. Missione compiuta?

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.