Bokuman, nuova serie manga del provocatorio Shuho Sato

Shuho Sato - BokumanBokuman (sì, non Bakuman.), è la nuova opera di Shuho Sato, autore giunto anche in Italia con il volume L'Isola dei tokkou, edito da JPop. La serie debutterà sul numero 6 del magazine Manga Action di Futabasha il prossimo 1 marzo.

Come Bakuman., l'ormai ben noto titolo di Tsugumi Ohba e Takeshi Obata (saliti alla fama internazionale tra critiche e polemiche con Death Note), il nuovo manga di Sato, che curerà solo la sceneggiatura affidando i disegni a Ishiki Tokihiko (Dust to Dust, Motive Refilled – Gendouki), seguirà la vita quotidiana di un mangaka.

Il titolo è volutamente provocatorio, ma l'autore non è nuovo alle provocazioni... Sato dice di aver iniziato a leggere Bakuman. e, dopo essersi imbattuto in una frase in cui si criticano i salaryman (praticamente i lavoratori dipendenti del terziario) di averne immediatamente smesso la lettura. L’innovativo e ribelle autore ha spesso lanciato accuse al sistema editoriale giapponese dei manga e agli editor (non è stato il solo in realtà, ricordiamo anche il caso precedente di Makoto Raiku e la sua disputa con Shogakukan che nei mesi successivi ha portato sotto i riflettori le precarie condizioni lavorative dei mangaka) facendosi per contro promotore della distribuzione digitale delle opere via web, in particolare su iPod e Kindle. Con questo intento ha aperto il sito MangaOnWeb, in cui vende sia i suoi lavori che quelli di altri artisti che la pensano come lui.

Per evitare l'intermediazione degli editori, Sato si è perfino rivolto a gruppi di scanlator per la traduzione in altre lingue dei suoi manga e poterli quindi vendere in tutto il mondo in formato digitale. Per questi motivi sicuramente Bokuman sarà un'opera quasi autobiografica e potrà raccontare da un'altra angolazione e in modo, chissà, forse più realistico rispetto a Bakuman. (e altri titoli simili, come Manga Bomber di Kazuhiko Shimamoto o Gekiman! di Go Nagai), la vita di un autore di fumetti giapponese. A proposito di quella che Sato chiama "la fine dell'era della carta stampata", ecco un breve estratto da un'intervista video realizzata da Marc Bernabe per il progetto "Masters of Manga". Dopo il salto.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.