Snack Time - Cassidy 6

cassidy

Trama: Le sorprese non finiscono mai in Cassidy di Pasquale Ruju. All'improvviso ci viene sbattuto in faccia il figlio del protagonista e questo va subito ad arricchire una storia già intrigante e ricca di situazioni e personaggi caratterizzati con il giusto spessore. Il capitolo sesto della miniserie, intitolato I Guerrieri, ci trascina nel bel mezzo di una lotta tra bande di motociclisti capricciosi. Alla base della storia vengon approfondite ben due familiari. Da una parte quella di Butch e Fatso, casi di due bande rivali, ma fratelli di sangue (relazione poco approfondita e che si esaurisce semplicemente in un accordo economico ed una caccia all'uomo). Tra Ray e Danny il rapporto è tutto diverso. All'inizio non vediamo tanto feeling tra i due, ma alla fine della storia il giovane viene quasi conquistato dal carisma del padre e perde quel ruolo di ribelle con cui era stato presentato. I Guerrieri è la storia più scorrevole e movimentata proposta fino ad adesso in questa buona miniserie Bonelli.

Disegni: Alessandro Poli questa volta offre una copertina con un'ottima regia e dove spicca un certo dinamismo che va rende bene l'idea di battaglia su due ruote. Luigi Cavenago si fa notare per un tocco di matita classico e pimpante nelle tavole dove è richiesta maggiore una spinta. Il suo forte sono le ambientazioni, rese con classe, anche le più complesse come quelle all'aperto. Il punto più alto del suo lavoro lo si riscontra nella rappresentazione di un vero e proprio assedio di moto, trasformato in un piccolo inferno dall'astuzia del protagonista.

Presentazione Ufficiale: Cassidy n. 6, mensile - I guerrieri_ Danny Cassidy è in un brutto guaio. Si è unito a una banda di biker, motociclisti selvaggi e violenti, e ha commesso la grave imprudenza di appartarsi con Reba, la donna del capo. Tra scontri con gang rivali e rocambolesche fughe lungo autostrade infuocate, per lui finirebbe molto male, se all’improvviso, dal deserto, non arrivasse un’auto nera. Al volante, un uomo che Danny non vedeva da tanto, troppo tempo: Raymond Cassidy, suo padre!

Voto: 6,5

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.