Disastri e Resistenza - un graphic novel di Seth Tobocman

disasterIeri è accaduto l'ennesimo cataclisma naturale che segnerà per sempre la storia dell'umanità.

Subito mi è tornato in mente un fumetto chiamato Disastri e resistenza, realizzato dal cartoonist newyorchese Seth Tobocman (uno dei fondatori della rivista a fumetti «World War 3 Illustrated»). In questo sono presenti storie, raccontate con eleganza e delicatezza, legate proprio ad eventi drammatici come l’11 Settembre, la guerra in Iraq e in Afganistan, il dramma di New Orleans, il problema dell’economia e del riscaldamento globale. L'opera è perfetta per chi apprezza i graphic novel realizzati con un tratto realista ed evocativo e dove viene fuori un attento lavoro di reportage, critico ed intelligente. Nell'introduzione leggiamo un commento di Mumia Abu-Jamal: «ci dice delle verità sui nostri tempi e su noi stessi. Regge uno specchio in cui si riflette la società in cui viviamo. Come passandole ai raggi X, ci mostra le cose con una chiarezza che raramente si incontra sulle prime pagine dei giornali. È una fedele ricostruzione della prima cupa decade di questo XXI secolo».

Il volume è composto da circa 180 pagine (bianco e nero ed a colori), formato 17 x 24 cm, brossurato con copertina a colori con alette ed è stato messo in distribuzione al prezzo di € 18,00 nel recente ottobre 2010. Tobocman “non si è limitato a prendere in esame le catastrofi degli ultimi tempi, ma ha dato soprattutto voce e testimonianza alle diverse lotte politiche e sociali che spesso l’hanno visto in prima linea, dalle proteste contro le politiche della Banca Mondiale a quelle dei pacifisti contro la guerra, senza dimenticare l’esempio di resistenza disperata di palestinesi e israeliani uniti contro la costruzione del muro in Palestina, dei cittadini di New Orleans in difesa delle loro case dalla speculazione a seguito dell’inondazione o della rivolta delle donne di Nairobi represse da un regime in mano alle compagnie del petrolio”.

via | Hazard Edizioni

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.