Sergio Bonelli Editore - Dylan Dog e Tex divisi tra Milano e Torino

tex

E' un periodo ricco di iniziative quello della casa editrice Sergio Bonelli Editore.

I suoi personaggi più rappresentativi sono stati "convocati" in due illustri città per partecipare ad eventi che vi consigliamo di non sottovalutare. Prima di tutto giovedì 10 marzo, all'interno della manifestazione “Cartoomics Spin-Off 2011: Horror & Motion”, si svolgerà una giornata (con ingresso gratuito), tutta dedicata al personaggio creato da Tiziano Sclavi. Il mini-evento è stato intitolato “Dylan Dog Day: 25 anni di indagini nell'incubo”. Appuntamento, quindi, fissato nella sala del centro congressi della Provincia di Milano (in via Corridoni 16). La giornata è stata così organizzata: durante la mattina ci saranno le proiezioni di film dell’orrore (La notte dei morti viventi”, di George A. Romero, “Nosferatu”, di Friedrich Wilhelm Murnau, “Shadow”, di Federico Zampaglione, “Dellamorte Dellamore”, di Michele Soavi ed altri). Alle ore 16.00, il giornalista ed organizzatore Filippo Mazzarella modererà una tavola rotonda dove parteciperanno Paola Barbato, Angelo Stano, Carlo Ambrosini, Luigi Mignacco e Andrea Cavaletto, Sergio Stivaletti, Paolo Mereghetti, Andrea G. Pinketts, Mauro Gervasini, Manlio Gomarasca, Federico Zampaglione, Luigi F. Bona, Daniele Statella, Alessia Di Giovanni e Marco Silvestri.

Il secondo evento, che sarà inaugurato il 25 marzo a Torino alle ore 18:00, è chiamato Il mio Tex. E' una mostra dedicata alle tavole inserite nell'omonimo libro edito da Little Nemo (www.littlenemo.it). Avrete la possibilità di ammirare ben 90 illustrazioni originali di Fabio Civitelli (realizzate sulla sceneggiatura di Nino Verger e contenenti i testi di Moreno Burattini). Ecco altre info per partecipare a questa esposizione: visite ammesse fino al 16 aprile, dal martedì al sabato presso lo Spazio Art&Co.Mix (interno cortile di via Ozanam 7, a Torino).

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.