BilBOlBul - nasce la città a fumetti

mappa bologna

La tecnologia fa miracoli ed offre anche la possibilità di avere una reale "città a fumetti".

Difficile da credere, ma è stata lanciata un'iniziativa notevole all'interno della quinta edizione del festival BilBOlBul. Quando parliamo di città a fumetti ci riferiamo a quella speciale mappa interattiva che mette a confronto tavole di fumetti ambientati a Bologna con foto dei luoghi, notizie storiche, aneddoti e curiosità. Questa mappa originale è stata realizzata dalla Biblioteca Salaborsa, la quale è riuscita a costruire un sistema che, attraverso semplici passaggi, va a svelare la città di Bologna proprio attraverso le prove di quei fumettisti che l'hanno scelta come luogo ideale per ambientare le proprie storie.

L'idea forse è nata da una mostra allestita da Kappa Edizioni (sempre durante BilBOlbul) dove erano state riunite varie tavole della miniserie Mondo Naif, contenenti storie realizzate da artisti come Andrea Accardi, Otto Gabos, Vanna Vinci, Gianmaria Liani, Davide Toffolo. La particolarità di queste tavole era che tutte contenevano qualche "zolla" della suddetta città. Non solo gli autori Kappa hanno tenuto in considerazione Bologna, ma anche gente come Giovanni Mattioli, Vanna Vinci, Luigi Bernardi, Vittorio Giardino, lo stesso Magnus, Andrea Pazienza e Filippo Scòzzari. In poche parole è stato accumulato del materiale così abbondante da rendere possibile la nascita di una mappa interattiva che è dotata di una serie di segnalibri sensibili: basta cliccare sopra per veder apparire un fumetto che "introduce una scheda dedicata a un luogo della città, con tavole, foto, notizie, riferimenti bibliografici, collegamenti ad altre aree di Bologna dei fumetti e risorse esterne". In più per ogni autore troverete informazioni biografiche, schede sui personaggi e sulle storie più esemplari accompagnate da riferimenti bibliografici, immagini, file multimediali e tanto altro! Infine è necessario evidenziare che l'immagine scelta per l'home page è un'opera di Giovanni Romanini, il quale ha preferito donarla alla biblioteca da Giovanni Romanini. Qui per il sito ufficiale della manifestazione!

via | Repubblica

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.