I cavalieri dello zodiaco: americano fa causa a Toei per il marchio Knights of the Zodiac

Saint Seiya Hades Elisio

Knights of the Zodiac: Toei Animation accusata di violazione di diritti per il marchio “Knights of the Zodiac”, titolo con cui sono conosciuti in USA “I cavalieri dello zodiaco”, in originale “Saint Seiya”.

Tale Isaac A. Potter Jr. denuncia la succursale americana del colosso dell'animazione giapponese per violazione di copyright: l'avvocato dell'uomo ha depositato l’atto presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto della Columbia il 9 dicembre 2010. Potter mira ad intascare un risarcimento di 1 miliardo di dollari per presunti danni. La serie animata originale tratta dal celeberrimo manga di Masami Kurumada risale a metà degli anni 80, ma l'anime giunge in America in tempi relativamente recenti rispetto al resto del mondo. I distributori americani ADV Films e DiC Entertainment pubblicano “Saint Seiya” in Nord America solo nel 2002 in due edizioni: una semplicemente sottotitolata che mantiene il titolo giapponese, l'altra doppiata e tradotta con il titolo ufficiale internazionale, “I cavalieri dello zodiaco”, in inglese appunto “Knights of the Zodiac”.

Toei chiede la registrazione del marchio in USA nel 2002, ma ne ottiene il riconoscimento solo nel 2008! Potter invoca la violazione del marchio registrato per un suo fumetto del 1995 dal titolo “Zodiac Knights 2000” e per il volume autoprodotto nel 2003 “Zodiac Knights 2000 Featuring Creatures of the Knights: Creatures of the Knights (A New Era)”. Già nel 2006 l'uomo e il fratello avevano intentato una causa contro Cartoon Network in seguito alla trasmissione dell'anime, ma senza successo. Toei Animation si dice serena e consapevole della non esistenza dei presupposti perché Potter possa portare avanti la sua causa.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.

1 commenti Aggiorna
Ordina: