Vuoi l'Uomo Ragno? Sborsa un milione di dollari

spider man

Quale è il confine tra collezionismo e pazzia?

E' facile definirlo. Prendete per esempio l'ultimo caso di spesa folle che sta facendo il giro del mondo: un milione e centomila dollari per acquistare il quindicesimo numero di Amazing Fantasy. Questo fumetto è noto ai lettori dell'Uomo Ragno, poiché in quel lontano 15 agosto del 1962 fece la sua prima comparsa il personaggio più celebre ed amato della casa editrice Marvel Comics. All'epoca l'albo in questione, contenente le storie scritte da Stan Lee e disegnate da Steve Dikto, costava ben 12 centesimi! Beati i possessori di quell'albo originale, poiché oggi esistono misteriosi collezionisti disposti a tutto pur di inserire nelle proprie librerie un tale reperto storico.

Un milione e cento dollari è una cifra da brividi, forse ingiustificata che, dopotutto, va ad avvalorare il mercato tutto dei fumetti. Potete e volete spendere una cifra del genere per un fumetto supereroistico? Visitate il portale comicconnect.com, sito che ha visto accrescere la propria notorietà proprio per aver consentito la vendita oggetto di questo articolo. Spider-Man non è il solo protagonista del mondo di carta ad aver fatto impallidire il mercato dei collezionisti. Anche le prime apparizioni di personaggi come Batman e Superman sono richieste e ben pagate. Il 25 Febbraio 2010, il fumetto Detective Comics n. 27 del maggio 1939 (con la prima apparizione di Batman) è stato comprato all’asta per la folle cifra di 1,075,500 di dollari. Invece un fumetto italiano bonelli come il primo numero di Dylan Dog (un tempo richiestissimo) è acquistabile per poco più di cento euro. Tutte queste cifre vi hanno messo voglia di rileggere la prima apparizione di Spider-Man? E' consigliabile non lasciarsi tentare dall'originale e fiondarsi in fumetteria (italiana) per cercare negli scaffali una delle tante ristampe prodotte da Marvel Italia negli ultimi anni.

via | Newsnotizie

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.